Seguire una dieta per endometriosi è un buon modo per ridurre i dolori e per non infiammare ulteriormente le zone coinvolte. Ecco quali sono i cibi da scegliere e quelli da evitare.

Quando si parla di dieta per endometriosi è molto importante partire dal presupposto che, a riguardo, i pareri dei medici sono spesso in disaccordo. Si tratta infatti di una patologia sulla quale si sa ancora relativamente poco e per la quale occorrono tutta una serie di strategie da mettere in atto per poter star meglio. Ciò nonostante, come avviene per ogni malattia, anche endometriosi e alimentazione sono collegate tra loro. Sebbene una dieta specifica non sia considerata da tutti come qualcosa da consigliare, mangiare in modo sano e prediligere determinati alimenti ad altri è, invece, universalmente auspicabile.

Endometriosi: la dieta consigliata a chi ne soffre

Per poter sperare di star meglio quando si soffre di endometriosi, cosa mangiare diventa importante al fine di ridurre i sintomi dolorosi e disinfiammare l’organismo.

dieta endometriosi
dieta endometriosi

È quindi molto importante prediligere l’assunzione di cibi ricchi di fibre ed inserire nella propria alimentazione cereali integrali, frutta, verdure e legumi.

Anche gli Omega 3 si rivelano molto importanti in quanto in grado di ridurre l’infiammazione.
Per questo motivo sono consigliati il pesce azzurro, la frutta secca, l’avocado, i semi di lino e tutti gli alimenti che li contengono. Allo stesso modo sono consigliati cibi ricchi di vitamina D, magnesio e calcio mentre tra le spezie, le più indicate sembrano essere la curcuma e lo zenzero.

Endometriosi: i cibi da evitare

Andando invece a quelli che sono gli alimenti da evitare. È parere comune che si dovrebbe ridurre il più possibile lo zucchero e tutto ciò che lo contiene.
È poi buona norma quella di ridurre il consumo di alcolici, salumi e cibi fritti o conditi con condimenti ricchi di grassi saturi.

Sarebbero poi da rivedere le quantità di latticini (specie quelli grassi), mentre andrebbe ridotta al massimo la carne rossa.
Bere molta acqua e praticare dell’attività fisica sono infine norme consigliate e da inserire assolutamente all’interno di una dieta improntata come stile di vita.

Ovviamente, prima di iniziare a scegliere i cibi da consumare è sempre bene confrontarsi con il proprio medico, scegliendone uno che sia esperto in questa malattia.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 18-04-2022


Peperoncino in gravidanza: cosa c’è da sapere sul suo consumo

Dieta per diabete gestazionale: cos’è giusto sapere a riguardo