Cosa si mangia quando si segue una dieta crudista? Vediamo gli alimenti concessi, nonché benefici e controindicazioni del regime alimentare.

Parecchio in voga negli ultimi anni, la dieta crudista, come suggerisce il nome, prevede un’alimentazione esclusivamente cruda. Questo significa che tutti i cibi che si portano in tavola non devono essere stati sottoposti a cottura o ad altri trattamenti. Ovviamente, sono compresi anche tutti i prodotti confezionati. Vediamo cosa si mangia e quali sono i benefici e le controindicazioni di un regime di questo tipo.

Cosa si mangia nella dieta crudista?

Conosciuta anche con il nome Raw diet, la dieta crudista è un regime alimentare che prevede il consumo di cibi non cotti, in modo da preservarne il valore nutrizionale. Soltanto le bevande possono essere scaldate, ma mai oltre i 40 gradi. Ovviamente, sono esclusi anche tutti quegli alimenti disponibili in commercio che sono già sterilizzati o pastorizzati, come il latte. Piuttosto che una dieta, l’alimentazione crudista può essere considerata una vera e propria filosofia di vita. Quanti la seguono, infatti, sono spinti da principi etici, volti a conservare la vitalità di ciò che si ingerisce.

La dieta crudista si basa per lo più sul consumo di verdure e frutta di stagione, semi oleosi e noci. Sono ammessi anche prodotti di origine animale, come carne, pesce, miele, uova, burro, latte e latticini, a patto che vengano consumati crudi. Ovviamente, sono vietati tutti i grassi saturi e gli zuccheri. La dieta crudista vegana, invece, è molto più restrittiva perché consente di mangiare solo frutta (sia fresca che disidratata) e verdure di stagione.

Cibo crudista: benefici e controindicazioni del regime alimentare

Con il crudismo è facile capire cosa mangiare. Gli alimenti consentiti, infatti, non sono tantissimi e non è necessario cuocerli. Al contrario, però, è consigliato munirsi di frullatori, centrifughe, essiccatori per alimenti e germogliatori perché sono indispensabili per preparare pietanze appetibili. Chiarito cosa prevede una dieta di questo tipo, vediamo quali sono i benefici e le controindicazioni. Come avrete facilmente intuito, si tratta di un regime alimentare altamente purificante e disintossicante. Allo stesso tempo, però, è anche nutriente perché i cibi, non subendo la cottura, mantengono inalterate le loro proprietà. Non solo, un’alimentazione di questo tipo consente di risparmiare il 90% della spazzatura prodotta quotidianamente e il consumo di luce e gas, pertanto è parecchio attenta all’ambiente.

Per quanto riguarda le controindicazioni, è bene sottolineare che la dieta crudista non può essere intrapresa in modo drastico. Il corpo ha bisogno di abituarsi, per cui è consigliato farsi seguire da un nutrizionista. Non dimenticate, inoltre, che si soffre di colite, tiroide o altre malattie, si potrebbe anche rischiare di peggiorare il quadro clinico.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 17-09-2022


Cibi lassativi: l’elenco degli alimenti anti stitichezza

Caco mela: proprietà e benefici della variante più croccante del frutto