In Italia sono oltre 3 milioni gli anziani che vivono soli, quindi poco meno della metà degli ultrasettantenni del nostro Paese secondo i dati Istat.

Una ricerca pubblicata da MsdManuals.com, sito web che si occupa di informazioni per il settore sanitario, ha evidenziato come tra i problemi principali delle persone sole in età avanzata ci siano solitudine, isolamento sociale, un deciso peggioramento dei disturbi preesistenti e un’alimentazione non adeguata.

In particolare, gli over 75 che vivono senza altre persone in casa tendono a dedicare scarsa attenzione ai pasti, riducendo la frequenza con la quale acquistano prodotti freschi e di stagione, ritrovandosi spesso a non seguire una dieta bilanciata e completa.

Al contrario, oltre il 90% degli anziani desidera mantenere la propria indipendenza, continuando di fatto a vivere da soli, tuttavia necessitano di maggiore appoggio per svolgere alcune attività essenziali, un’esigenza ancora più urgente e importante con la nuova normalità introdotta dalla pandemia di Covid-19.

Nonna e nipote

L’assistenza personalizzata per gli anziani che vivono da soli

Una soluzione adeguata per i 3 milioni di persone in età avanzata che vivono da sole arriva da progetti innovativi come UGO, con la possibilità di usufruire di vari servizi per gli anziani, tra cui il supporto per spesa e commissioni, con cui delegare a operatori di fiducia una serie di attività indispensabili da svolgere nel quotidiano.

Per esempio, è possibile richiedere assistenza per fare la spesa al supermercato, pagare bollettini alle poste, portare a spasso il cane o ritirare le medicine in farmacia. Ovviamente, il servizio viene fornito rispettando tutti i protocolli sanitari previsti dal Ministero della Salute e dall’OMS, per garantire la massima tutela della persona anziana, con la possibilità di contattare un unico operatore di fiducia per effettuare tutti i servizi di cui si ha bisogno.

In questo modo, gli anziani che vivono soli possono ricevere un aiuto personalizzato, utile anche per le famiglie per condividere gli impegni ricevendo un sostegno importante, specialmente in questo momento.

Il servizio può essere prenotato online in modo digitale, altrimenti è disponibile anche la prenotazione telefonica per le persone meno avvezze alle nuove tecnologie, per assicurare a tutti la massima accessibilità.

Ad oggi, UGO è disponibile in molte città italiane, tra cui Roma, Milano, Monza, Bergamo, Brescia, Genova, Torino, Padova, Bologna, Firenze, Siena e Lecce. Si tratta di un servizio davvero utile per agevolare la vita degli anziani, in grado di riscuotere subito un notevole apprezzamento anche tra i familiari dei beneficiari.

Il valore aggiunto del supporto degli anziani

Come abbiamo visto, uno dei principali problemi per gli anziani che vivono soli è di natura psicologica, in quanto la solitudine può portare una serie di conseguenze che peggiorano lo stato di salute e il benessere psichico.

Le persone over 60 che non ricevono un adeguato contatto sociale sono maggiormente soggette ad ansia, stress e depressione. Allo stesso tempo, le loro condizioni di salute possono aggravarsi rapidamente, sia per una questione psicologica sia per motivi legati alla mancanza di motivazioni.

Questo stato porta a una cattiva nutrizione, all’assenza di attività fisica e alla perdita di lucidità mentale, aspetti che possono trovare una soluzione con un supporto in grado di fornire un’interazione sociale sicura e indispensabile.

Piccole attenzioni possono avere effetti positivi rilevanti sul benessere psicofisico degli anziani, affinché possano sentirsi più liberi e felici, con miglioramenti immediati sulla salute e l’approccio nei confronti della vita e del futuro.

Spesso le persone più avanti con l’età vogliono mantenere la propria indipendenza, tuttavia hanno bisogno di assistenza per svolgere alcuni compiti che da soli non sono in grado di realizzare.

Un operatore di fiducia che può comprare i prodotti desiderati dall’anziano, garantire il corretto movimento quotidiano del proprio amico a quattro zampe, oppure accompagnarlo ad una visita medica, non solo infonde maggiore sicurezza, ma garantisce un cambiamento profondo nella propensione all’ottimismo di una persona che ha ancora tanto potenziale.


05 consigli per rinforzare i capelli e migliorare la salute del cuoio capelluto con gli oli naturali

Legge 104 e badante: che cosa c’è da sapere