A cosa è dovuta la perdita di equilibrio? Si tratta di una problematica che può avere diversi fattori scatenanti, alcuni banali e altri no.

Cosa fare quando si avverte una perdita di equilibrio? Senza ombra di dubbio, è consigliato chiedere il parere di un medico. In problematiche di questo tipo, il fai da te è vietato perché le cause che le scatenano possono essere diverse, alcune piuttosto importanti e altre banali. Scopriamo cause, sintomi e cure del disequilibrio.

Perdita di equilibrio: le cause

La perdita di equilibrio nel camminare è una sensazione davvero terribile, che fa credere di essere in movimento anche quando si è del tutto fermi. Generalmente, che si tratti di anziani o di adulti, la caduta è terra è quasi sempre inevitabile. Lo sbandare camminando ha cause diverse: vertigini, cervicale, cambiamento della pressione atmosferica, infezioni o infiammazioni all’orecchio, artrite, ictus, intossicazione da monossido di carbonio, mal di mare, influenza, trauma cranico, pressione sanguigna troppo bassa/alta e confusione mentale. In alcuni casi, la problematica può essere generata dall’assunzione di determinati farmaci oppure da uno sforzo fisico parecchio intenso.

Prima di vedere le cure, quindi, è bene conoscere bene il disequilibrio e le cause, andando ad individuare qual è il motivo per cui si sta vivendo questa sensazione di sbandamento. Generalmente, la perdita di equilibrio è associata ad altri sintomi che è impossibile non notare: nausea, vomito, giramento di testa, appannamento della vista, diarrea, affaticamento e variazioni della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna.

Un discorso a parte meritano i disturbi dell’equilibrio e l’ansia. Le persone che soffrono di attacchi di panico, ansia e depressione sperimentano frequentemente una sensazione di sbandamento. In casi come questi, difficilmente si cade a terra. La situazione torna ad essere ‘normale’ appena la persona riacquista consapevolezza del proprio corpo.

Disturbi dell’ equilibrio: cure e trattamenti

Come avrete facilmente intuito, è impossibile parlare di cura senza sapere qual è la causa. Se, ad esempio, a scatenare la perdita di equilibrio è stata un’infezione o infiammazione all’orecchio bisogna intervenire con una terapia farmacologica a base di antibiotici. Se, invece, è stata colpa della cervicale, potrebbero bastare una serie di accortezze per tornare a stare bene. Pertanto, al primo sintomo è necessario chiedere il parere del medico e seguire scrupolosamente i suoi consigli.

Riproduzione riservata © 2023 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 12-12-2022


Effetti del CBD: quali sono i vantaggi per il benessere di corpo e mente

Sindrome dell’uomo rigido: tutto sulla malattia che ha colpito Celine Dion