Chiedersi se il melone fa ingrassare, con l’arrivo della bella stagione, è molto comune. Scopriamo qual è la verità e come mangiarlo senza problemi.

Quando si è a dieta, i dubbi riguardo gli alimenti di uso consume sono più che normali. E con l’arrivo delle giornate più calde, uno tra i più comuni è quello sul melone che fa ingrassare. Una domanda che in tanti si pongono sopratutto sul melone giallo che è spesso apprezzato sia come frutto a fine pasto che per un piatto unico, sopratutto se accompagnato dal prosciutto. Ecco, quindi, cosa c’è da sapere a riguardo e come comportarsi in presenza di questo frutto così ambito.

Melone e dieta: cosa c’è da sapere

Iniziamo con il dire che per chi si chiede se il melone giallo fa ingrassare, la risposta è confortante.
Si tratta infatti di un frutto con poche calorie e che contiene tanta acqua, motivo per cui rientra a pieno titolo tra gli alimenti che si possono consumare anche a dieta.

melone
melone

Detto ciò è importante ricordarsi che si tratta di un frutto e che ha pertanto degli zuccheri. Il suo consumo quindi, come per qualsiasi altro frutto, deve essere moderato. Un discorso diverso va fatto invece per chi si chiede se prosciutto e melone fa ingrassare. La presenza del prosciutto, infatti, tende a cambiare le cose. Sebbene sia sempre consigliato consumare carboidrati e proteine insieme, il prosciutto è un insaccato e in quanto tale contiene molto sale. Per questo motivo, all’interno di una dieta potrebbe portare a ritenzione liquida.

Ovviamente, se mangiato di tanto in tanto e nelle giuste quantità anche questo abbinamento è possibile. Mangiarlo tutti i giorni, invece, potrebbe portare effettivamente ad un aumento di peso.

Come mangiare il melone per dimagrire

Tornando al melone e a come mangiarlo anche quando si è a dieta, come già accennato, è molto importante badare alle quantità.
Se mangiato a fine pasto come frutto, si può stare intorno a una o due fette che possono diventare tre abbondanti se lo si mangia a cena insieme al prosciutto o a del formaggio.

Come sempre, è consigliabile consumare ogni alimento ricco di zuccheri all’interno di un pasto che comprenda i macro nutrienti essenziali. Mangiando in modo bilanciato, infatti, è possibile ridurre la risposta glicemica evitando così un innalzamento esagerato degli zuccheri nel sangue. Tutte norme che aiutano non solo la dieta ma anche la salute.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

Dieta

ultimo aggiornamento: 11-05-2022


Dieta del sonno, come funziona e quanti kg si possono perdere

Prugne secche: non solo lassative, ma benefiche per l’intero organismo