Diventare vegetariani è una scelta sempre più diffusa. Scopriamo quali sono i passi da compiere per muoversi nel modo corretto.

Sempre più gente sceglie ogni giorno di avvicinarsi all’alimentazione vegetariana. Un modo per far bene agli animali ma anche per mangiare in modo più salutare evitando antibiotici e altri prodotti spesso presenti nella carne. Diventare vegetariani è una scelta di vita che cambia del tutto l‘alimentazione e che pertanto è importante approcciare fin da subito nel modo giusto. Scopriamo, quindi, quali sono i punti salienti da conoscere e come muoversi passo passo per non commettere errori dal punto di vista nutrizionale.

Come diventare vegetariani e mantenersi in salute

Scegliere la strada di diventare vegetariani è un sentiero che va affrontato nel modo giusto e tutto al fine di mantenersi in salute e di non trovarsi a mangiare in modo sbilanciato o con carenze nutrizionali che alla lunga possono diventare pericolose.

Essere vegetariani, infatti, significa eliminare ogni tipo di carne (pesce compreso) e limitarsi a derivati come latticini e uova. Il resto dell’alimentazione è per lo più a base di legumi, cereali (meglio se integrali), frutta, verdura, semi e soia.

insalata
insalata

Al fine di procedere nel modo più corretto possibile, specie se cambiando modo di mangiare ci si dovesse sentire improvvisamente più deboli, è sempre bene farsi seguire da un nutrizionista almeno per i primi tempi. In questo modo si otterrà un piano alimentare da poter seguire e comprendere al fine di modificarlo nel tempo.

Alcune regole per iniziare nel modo corretto la dieta vegetariana

Per essere certi di mangiare nel modo corretto è importante curare con attenzione la scelta dei cibi che si consumano ogni giorno. In tal senso è importante variare e scegliere sempre di inserire più categorie possibile. Legumi e semi oleosi, ad esempio, non dovrebbero mai mancare. E con essi neppure la soia, i latticini e le uova. Inoltre è bene aumentare gli alimenti di origine vegetale che contengono proteine, calcio e ferro in modo da evitare possibili carenze.

Almeno per i primi tempi può essere utile fare un esame del sangue ogni tanto per controllare i valori e accertarsi che tutto stia procedendo nel migliore dei modi. In questo modo seguire una dieta vegetariana sarà senza alcun dubbio più semplice.


La differenza tra vegano e vegetariano: tutto quel che è importante sapere

Come seguire una dieta vegana per dimagrire nel modo corretto