La dieta Miami è un regime alimentare che potremmo definire miracoloso: promette di perdere tre chili in tre giorni. Vediamo come funziona.

Nata in America e messa a punto dal dottor Arthur Agatston, la Dieta Miami è molto gettonata tra le dive e gli abitanti USA. Questo regime alimentare, se seguito alla lettera e senza invertire pasti o quantità, consente di perdere tre chili in tre giorni. Vediamo come funziona e qual è un menù tipo.

Dieta Miami: cos’è e come funziona

La dieta Miami originale promette di far perdere tre chili in tre giorni. Un po’ come raccontavano Carlo Verdone e Renato Pozzetto nel vecchio film del 1986, ovvero 7 chili in 7 giorni, questo regime alimentare nato negli USA appare come una sorta di miracolo. Prima di entrare nei dettagli, è bene sottolineare che si inizia una dieta, di qualunque tipo essa sia, solo dopo aver chiesto il parere del proprio medico. Inoltre, non dimenticate che la perdita di peso lampo non fa mai bene all’organismo e, come se non bastasse, i chili buttati giù si ripresenteranno presto, con gli interessi.

Chiarito ciò, vediamo come funziona la dieta Miami dei 3 giorni, chiamata anche South Beach. Come indica il nome, questo regime alimentare, messo a punto dal cardiologo Arthur Agatston, va seguito solo per tre giorni. Lo scopo è consentire la disintossicazione del sistema digestivo e la riattivazione del metabolismo, andando a fare fuori i cuscinetti di grasso. I punti cardine? Tante proteine e pochi carboidrati.

Dieta Miami: menù tipo

Un menù tipo della dieta Miami prevede:

  • Primo giorno: colazione 1/2 pomodoro, 1 fetta di pane tostato, 2 cucchiai di margarina, 1 caffè / pranzo 120 gr di tonno senza olio, 1 fetta di pane tostato, 1 caffè / cena 100 gr di carne bianca, 240 gr di fagiolini, 120 gr di barbabietole rosse e 100 gr di gelato alla frutta;
  • Secondo giorno: colazione 1 uovo sodo, 1/2 banana, 1 fetta di pane tostato, 1 caffè / pranzo 200 gr di Jocca, 5 crackers integrali / cena 2 wurstel, 240 gr di broccoli, 120 gr di carote, 100 gr di gelato alla vaniglia;
  • Terzo giorno: colazione 1 mela, 5 crackers integrali, 1 pezzo di gruvier, 1 caffè / pranzo: 1 uovo sodo e 5 crackers / cena: 2 kiwi, 120gr di tonno, 240gr di barbabietole, 120gr di cavolfiore, 100gr di gelato alla vaniglia.

Questo regime alimentare promette la perdita di 3 chili in 3 giorni solo se si segue alla lettera, senza invertire i pasti o aumentare le quantità. Infine, per quel che riguarda dieta Miami e opinioni, è bene sottolineare che la maggior parte dei nutrizionisti/dietologi la sconsigliano, mentre quanti l’hanno provata la definiscono “il miracolo delle 48 ore“.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 18-07-2022


Quali sono i benefici dei cibi termogenici?

Dieta iposodica: cosa si può mangiare nel regime alimentare povero di sodio