Tutto sulla dieta a zona: il menù settimanale, le caratteristiche di questo regime alimentare e i benefici. Ecco come funziona!

La dieta a zona è stata inventata da Barry Sears, che dopo dei lunghi e accurati studi ha ideato quello che dovrebbe essere il menù perfetto per il benessere del nostro organismo: in altre parole, il corpo dovrebbe assumere il 40% di carboidrati, il 30% di proteine e il 30% di grassi. In questo modo si ridurrebbe il grasso corporeo, ma oltre a funzionare e a dare risultati tangibili, con questo regime alimentare si potrebbero prevenire tantissime malattie, in particolar modo cardiovascolari, autoimmuni e il diabete.

Insomma, si parla di un vero e proprio stile di vita: scopriamone di più!

Un esempio di dieta a zona: ricette e alimenti

Come dicevamo, questa dieta è stata ideata per fornire al nostro organismo il giusto quantitativo di energie per affrontare la giornata, senza mai avere fame e ritrovando forma e benessere. Proprio per questi motivi bisognerebbe seguire alla lettera tutte le indicazioni.

Ma qual è il programma della dieta a zona? Prima di tutto, i pasti sono 5 in totale, che consistono in colazione, pranzo e cena più 2 spuntini, e i tre principali dovrebbero avvenire con una regolarità di 5 ore. In questo modo il corpo dovrebbe portare la produzione di ormoni buoni, limitando invece quelli cattivi.

Dieta
Dieta

Ecco dunque un esempio giornaliero, che potete applicare alla settimana variando un po’ gli alimenti:

• Colazione: 1 caffè e 3/4 gallette di di avena

• Spuntino: uno yogurt magro

• Pranzo: Pesce (200 g), verdure (250/300 g), 1 piccola pagnotta e 1 frutto

• Spuntino pomeridiano: 100 g di frutta con formaggio o dei cracker

• Cena: carne bianca (120 g), verdure (160 g), 1 piccola pagnotta e un frutto

La dieta a zona funziona?

Come tutte le diete, per far sì che i risultati siano tangibili serve costanza e al tempo stesso è doveroso associare all’alimentazione una corretta attività fisica. Per questo particolare tipo di dieta, poi, ci sono alcune regole fondamentali per far sì che funzioni. Vediamone alcune:

• Gli alimenti devono sempre essere pesati e il programma va seguito pedissequamente.

• Al fine che la dieta vada a buon fine, è altamente consigliato ridurre il consumo di alcool, bibite gassate, dolci e pasta.

• Bisogna consumare frutta e verdura a basso indico glicemico.

In conclusione, possiamo dire che la dieta a zona sia un regime alimentare piuttosto equilibrato, ma vi consigliamo comunque di consultare il vostro medico nutrizionista.

Scoprite tutto sulla dieta plank!

TAG:
chiedilo alla nonna dieta vetrina

ultimo aggiornamento: 15-02-2020


Proteine vegetali, ecco gli alimenti che ne sono più ricchi

Ecco la formula per un caffè più ecosostenibile e meno costoso