Si può bere la coca cola in gravidanza? Vediamo cosa dicono gli esperti e quali sono le controindicazioni se si decidesse di consumarla.

Non riuscite a fare a meno della coca cola in gravidanza? Male. Sappiate che le bevande gassate, soprattutto se consumate in grandi dosi e quotidianamente, non sono mai salutari, neanche quando non si è in dolce attesa. Vediamo quanti bicchieri di coca sono concessi e quali potrebbero essere gli effetti collaterali legati al consumo.

Coca cola in gravidanza: concessa o vietata?

La coca in gravidanza è ammessa o sarebbe meglio evitare? In linea di massima, sempre a patto che non si esageri, si può bere. Ci sono, però, alcune considerazioni da fare. Anche se questa bevanda gassata è amata da decenni in ogni angolo del globo, parecchi studi dimostrano che il suo consumo, specialmente se quotidiano, non è affatto salutare. Pensate che in alcuni settori lavorativi, come officine meccaniche & Co, viene utilizzata per svitare i bulloni arrugginiti. Tralasciando ciò, torniamo al periodo della gestazione e alle controindicazioni legate all’inserimento nella dieta.

Bere coca cola in gravidanza è concesso, ma con limitazione. Essendo una bevanda che contiene caffeina e zuccheri, è bene non esagerare. Calcolate che la caffeina va consumata con grande moderazione, massimo 200/300 mg al giorno, che corrisponde a due tazzine di caffè. Ricordate, inoltre, che la caffeina è contenuta anche nel cioccolato e ne tè verde.

Generalmente, una lattina di coca cola classica contiene 32 mg di caffeina, mentre la Diet Coke ancora di più, ovvero 42 mg. Se proprio non riuscite a fare a meno di una bevanda gassata, optate per la Sprite o la Fanta.

Coca cola senza caffeina in gravidanza: i rischi sono sempre gli stessi

E’ bene sottolineare che, in gravidanza, anche la coca cola senza caffeina è pressoché sconsigliata. Così come tante altre bevande gassate, contiene sostanze che non sono affatto salutari e potrebbero creare alcune complicazioni durante la gravidanza. Ovviamente, gli effetti collaterali si manifestano solo nel caso in sui si esageri con le dosi. Dal rischio di aborto spontaneo al parto prematuro, passando per un ritardo nella crescita del feto: questi sono solo alcuni dei problemi che potrebbero sorgere. Ergo: bevete l’acqua, almeno un litro e mezzo, che non ha mai fatto male a nessuno e disseta meglio di qualsiasi altra bevanda.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 04-08-2022


Eretismo: significato e di cosa si tratta esattamente

Lo sapete che piangere fa bene? Ecco perché e a cosa serve