Tutte le migliori posizioni per dormire: scopriamo quali sono quelle da scegliere per un riposo ottimale.

Dormire bene è fondamentale sia per la salute che per il rendimento che si ha nel corso della giornata. E tra i tanti aspetti da tenere in considerazione c’è anche quello legato alla posizione per dormire, in base a quella che si sceglie durante la notte, infatti, si può riposare più o meno bene.

Scopriamo quindi quali sono le posizioni migliori per dormire in modo corretto.

Le posizioni ideali per dormire

donna che dorme
donna che dorme

Iniziamo con il dire che non esiste una posizione corretta per dormire che sia uguale per tutti. Ognuno di noi, infatti, in base alla propria condizione fisica o a eventuali differenze anatomiche può trovarsi più o meno comodo in determinate posizioni.

La prima cosa da considerare è quella di trovarne una che non provochi tensioni muscolari o dolori sparsi. Valutiamo quindi quelle considerate universalmente migliori.

Come dormire: la posizione supina

Dormire a pancia in su è il modo considerato migliore in quanto non affatica nessun organo, evita il reflusso gastroesofageo e aiuta la schiena a distribuire il peso in modo corretto.

Per far si che si riveli davvero la posizione ideale per dormire è però necessario usare un cuscino basso e mantenere le braccia stese lungo i fianchi. Per alcune persone può risultare ancor più agevole tenere un secondo cuscino sotto le ginocchia. Farlo, infatti, aiuta a mantenere la naturale curvatura della schiena.

La posizione per dormire laterale

Dormire lateralmente, nella così detta posizione fetale, è una scelta meno corretta rispetto alla prima ma può risultare utile quando si soffre di mal di pancia da ciclo, se si è in gravidanza o se si soffre di apnee notturne. In tal caso può esser utile usare un cuscino alto e in alcuni casi (specie negli ultimi mesi di gravidanza) tenerne uno anche sotto la pancia.

Se si dorme di lato può essere utile sapere che in base a quale si sceglie si possono avere benefici diversi: dormire sul fianco destro, infatti, aiuta ad alleviare problemi di apnea ma rende più difficile la digestione. Dormire sul fianco sinistro, invece, allevia problemi come il reflusso e migliora la circolazione delle donne in dolce attesa.

Ricordiamo che per dormire bene ed evitare l’insonnia è necessario curare anche altri aspetti come l’ambiente in cui si dorme e la scelta degli alimenti giusti.

salute

ultimo aggiornamento: 22-04-2021


Problemi d’insonnia? Le cause e i rimedi per combattere il disturbi del sonno

Dormire senza cuscino: i pro e contro che dovresti conoscere