Quando si soffre di reflusso gastroesofageo, la dieta è molto importante. Scopriamo insieme i cibi da evitare e quelli da mangiare.

Il reflusso gaestroesofageo è un problema più comune di quanto si pensi e riguarda il rigurgito del contenuto gastrico nel lume esofageo. In genere è un problema che può presentarsi per svariati motivi e che viene trattato principalmente attraverso l’alimentazione. Reflusso gastroesofageo e dieta vanno infatti a braccetto. Ed è solo imparando a conoscere bene la dieta per reflusso che si può contare sulla scomparsa o l’attenuazione dei sintomi.

La dieta per reflusso gastroesofageo

Quando si parla di reflusso gastrico e dieta è importante tenere a mente alcune importanti regole indispensabili per la salute. Per prima cosa, ad esempio, è necessario tenere sotto controllo il peso, sia attraverso l’attività fisica che con una dieta che miri al dimagrimento.

Dolore allo stomaco per reflusso
Dolore allo stomaco per reflusso

Bisogna inoltre prestare attenzione alla temperatura dei cibi che non dovrà essere né troppo calda né troppo fredda. E si dovrà cercare di consumare pasti semplici e mai abbondanti, avendo cura di non sdraiarsi subito dopo aver mangiato ma di far passare almeno quindici minuti.

Detto ciò, è bene prestare attenzione ai sintomi del refusso gastrico e cibi da evitare in modo da non peggiorare la situazione.

Reflusso gastroesofageo: cosa non mangiare

Quando si parla di dieta antireflusso, come già detto, l’attenzione va posta principalmente sui cibi da non mangiare. Tra questi ci sono, gli alcolici e le sostanze irritanti come il caffè o il tè.

È importante inoltre evitare bibite gassate, spezie, cibi ricchi di grassi o altri irritanti come la cioccolata. Aglio, cipolla e menta sono da evitare il più possibile, sopratutto se provocano un aumento dei sintomi subito dopo averli ingeriti.

Per il resto basta mangiare con moderazione e seguire un’alimentazione varia e a base di alimenti sani come cereali integrali, latticini magri, verdura, frutta e proteine magre per poter inziare a sentirsi meglio.

Il consiglio è ovviamente quello di seguire sempre le indicazioni del medico e di farsi aiutare da un nutrizionista in caso di dubbi su cosa mangiare. In questo modo si potrà contare su una dieta ricca di tutti i macronutrienti necessari e volta al raggiungimento del benessere.

salute

ultimo aggiornamento: 19-02-2021


Il silicone per alimenti è pericoloso? Ecco i rischi degli stampi da forno

Allergie alimentari: cosa sono, come si manifestano e come tutelarsi