La presenza di muco in gravidanza può indicare diverse cose che è molto utile sapere. Scopriamo le più importanti e qual è la sua funzione primaria.

La produzione di muco in gravidanza può dire tante cose sulle condizioni della stessa. Questo, tende infatti a cambiare nel corso del tempo seguendo le varie fasi e indicandone addirittura alcune.
Se nel corso della vita della donna la sua presenza ha per lo più un’azione protettiva ed in grado di anticipare l’arrivo del ciclo, il muco cervicale in gravidanza ha, tra le altre cose, la funzione di evitare la formazione di batteri ma anche quella di indicare lo stato di salute della gestante. In base al suo colore e alla consistenza può infatti mettere in luce diverse situazioni.

Vari tipi di muco in gravidanza

Se durante l’ovulazione si può già assistere ad un aumento del muco, questo tende ad aumentare maggiormente e a cambiare del tutto in gravidanza.

gravidanza
gravidanza

Oltre a diventare più frequente, il muco in gravidanza tende infatti a farsi più denso e tutto per creare una barriera di protezione per il feto, evitando la risalita di germi e batteri che potrebbero essere potenzialmente pericolosi.

Questo può poi cambiare anche colore. Il muco bianco in gravidanza, ad esempio è da ritenersi quasi sempre più che normale, sopratutto se con l’avanzare della stessa tende a diventare sempre più denso. Lo stesso può dirsi per il muco giallo in gravidanza, a patto però che sia inodore e che non sia associato a dolori o bruciori. In tal caso può indicare anche l’insorgere di infezioni che è molto importante curare per tempo.

Con il passare dei mesi, la sua consistenza si fa sempre più fluida fino a sfociare con la perdita del tappo mucoso (da non confondere con la rottura delle acque) che indica invece l’approssimarsi del parto.

Come gestire le perdite di muco in gravidanza

Come visto, il muco in gravidanza gioca un ruolo importante sia nella protezione del bambino che nell’indicare le varie fasi della stessa. La sua formazione, quindi, non deve destare alcuna preoccupazione. Va detto, però, che è molto importante tenerlo sempre sotto controllo al fine di rendersi subito conto di variazioni o di un andamento anomalo.

Pur vivendo la gestazione con la maggior serenità possibile è quindi molto importante parlare con il medico di ogni più piccolo cambiamento. Attraverso la semplice descrizione del tipo di muco, il ginecologo potrà infatti valutare se tutto procede come deve o se è il caso di fare una visita di controllo. In caso di infezioni, ad esempio, prenderle per tempo è sicuramente di grande aiuto evitando l’uso di troppi farmaci che in gravidanza sono sempre sconsigliate.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 11-06-2022


Asperula: i benefici della pianta che in molti conoscono con il nome di stellina odorosa

Internet boyfriend syndrome: ecco di cosa si tratta