In questi tempi di Covid il troppo stare in casa ha provocato l’inattività fisica delle persone insieme alla poca motivazione psicologica

Molti, hanno cercato di sopperire alla mancanza della solita quotidianità, dell’uscire, del vivere, aprendo di continuo il frigo. Per cui ci sono state molte persone che sono ingrassate, hanno preso peso, sono diventate fuori forma e stanno tentando il tutto e per tutto per mettersi a dieta.

Ma c’è anche chi vive l’ansia in una maniera diversa, con un blocco dello stomaco. La mancanza di appetito può infatti scaturire da uno stato di ansia generalizzata, dalla preoccupazione per qualche evento, per il proprio futuro, per i problemi causati dal Covid.

Certamente poco appetito significherà mangiare poco e, di conseguenza, assumere pochi nutrienti per cui sarà normale una debilitazione dell’organismo, condizione non benefica che trascinerà chi soffre di inappetenza verso problemi al proprio stato di salute.

Si parla molto di rimedi naturali come la pappa reale utili a combattere la mancanza di appetito e si parla poco di un rimedio molto efficace come la cannabis light. Scopriamo come aiutarsi con la marijuana light per ritrovare la voglia di alimentarsi nella maniera migliore per l’organismo.

Cannabis light e CBD

Marijuana light e appetito

La marijuana light può aiutare a ritrovare l’appetito grazie ai suoi principi attivi. In particolare il merito è del suo metabolite principale, il cannabidiolo, che ha proprietà antiemetiche ossia utili contro la nausea e il vomito.

Perché citiamo queste proprietà? Perché chi non ha fame prova un senso di disgusto e malessere nei confronti del cibo, non riesce a ingurgitarne neanche un boccone perché si sente pieno per cui prova quasi una nausea a mangiare. Il cannabidiolo risolve questo problema e, eliminando la sensazione di nausea da pienezza, libera lo stimolo della fame tenuto sotto scacco dall’ansia.

Anche i terpeni della cannabis fanno la loro parte amplificando i sensi del gusto e dell’olfatto, per cui chi non ha fame ora percepisce gli odori e i sapori degli alimenti più invitanti e, di conseguenza, recupera la voglia di assaggiarli.

Come aiutarsi

Per aiutarsi a ritrovare la voglia di mangiare si può dunque assumere la cannabis legale, permessa dallo Stato da un’apposita regolamentazione e che quindi non deve far pensare che si sta commettendo un qualche reato.

Si può assumere la cannabis light allo scopo di ritrovare le forze e con esse l’appetito di un tempo, che permetterà di fornire il nostro corpo del giusto nutrimento e delle energie necessarie ad affrontare le nostre giornate. Aiutarsi con la marijuana legale vuol dire fare una scelta alternativa a farmaci e ai loro effetti collaterali a volte pessimi.

Per ritrovare la voglia di mangiare possiamo scegliere la varietà di cannabis Lemon Cheese agli aromi di fiori di limone oppure l’olio CBD, un preparato privo di THC disciolto in base vegetale.

ultimo aggiornamento: 29-03-2021


Alimentazione dei bambini: come integrare più ferro con la dieta

Come integrare i benefici dei semi di canapa nell’alimentazione