Vi siete mai chiesti dove comprare il dragon fruit, che sapore ha e quali sono le sue caratteristiche? Scopriamolo.

Il dragon fruit è un frutto tropicale che viene chiamato anche pitaya. Questo frutto viene prodotto da una pianta grassa che appartiene alla famiglia delle Cactaceae, la stessa famiglia comprende anche il fico d’India. La pianta viene coltivata soprattutto nel sud-est asiatico e nell’America Centrale. Scopriamo di più sulle caratteristiche di questo frutto esotico e sulle sue proprietà nutrizionali.

Dragon fruit: sapore e caratteristiche del frutto

Il frutto del drago, nella sua varietà più comune vale a dire Hylocereus undatus, ha un colore esterno che va dal rosa al rosso e presenta delle foglie verdi che si sviluppano sulla superficie del frutto. All’interno la polpa può essere bianca o rossastra in base alla specie e presenta tanti piccoli semi scuri, in genere si presenta morbida e compatta.

Dragon fruit
Dragon fruit

Il sapore della polpa è piuttosto dolce ed ha un effetto rinfrescante, anche i semi sono commestibili. Ci sono però diverse specie che presentano colori della buccia e della polpa differenti, per esempio si possono avere varietà, come Hylocereus megalanthus, in cui la buccia del frutto è gialla e la polpa è bianca.

Dragon fruit: dove comprarlo

Trattandosi di un frutto esotico, non è facile trovare questo frutto al supermercato o anche nei mercati locali. Il metodo migliore è quindi cercarlo nei negozi specializzati in frutti esotici. Inoltre è anche possibile acquistare i semi e coltivare la pitaya nel proprio giardino.

Benefici del dragon fruit e proprietà

Il frutto del drago è ricco di sali minerali e di vitamina C. Nello specifico per 100 grammi di frutto ritroviamo i seguenti valori nutrizionali, dai dati del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti:

  • Calorie: 264 Kcal
  • Proteine: 3,57 g
  • Zuccheri 82,14 g
  • Calcio: 107 mg
  • Sodio: 39 mg
  • Vitamina C: 6,4 mg.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 02-04-2022


Cosa mangiare prima di una partita di calcio per affrontarla al meglio

Antibiotici nel latte, c’è davvero da preoccuparsi?