La dieta della frutta, nota anche come dieta Californiana, è tra le più seguite del momento. Scopriamo come funziona e quali sono i pregi e i difetti che è importante conoscere.

Quando si parla di dieta della frutta si intende quell’approccio alimentare ormai famoso da anni che dura al massimo tre giorni e che consente di perdere peso rapidamente. Come il nome stesso suggerisce si tratta di un’alimentazione che esclude molti cibi. Nata inizialmente solo con il consumo di pompelmo si è pian piano evoluta inserendo altri alimenti tanto che oggi è più nota come dieta della frutta e verdura.

Dieta della frutta: quanto si dimagrisce e come funziona

La dieta a base di frutta consente di dimagrire anche 1 kg al giorno.

dieta frutta
dieta frutta

Come già detto si tratta di una dieta con solo frutta e verdura e che prevede in aggiunta poco olio e piccoli quantitativi di yogurt. Un’alimentazione che di conseguenza è piuttosto sbilanciata e che per questo motivo non può essere seguita per più di tre giorni in quanto protratta nel tempo risulta essere pericolosa per l’organismo.

Tra i suoi pregi ha sicuramente quello di sgonfiare la pancia e di donare un senso di leggerezza a chi sceglie di seguirla nel modo corretto. Quanto a ciò che si mangia i pasti sono piccoli e si distribuiscono nel corso della giornata alternandosi tra piatti di verdure cotte o crude e condite con solo olio e centrifugati o frullati di frutta con aggiunta di yogurt.

Controindicazioni da conoscere

Ovviamente, dimagrire mangiando frutta e verdura non è la miglior via da seguire. Sebbene la dieta con frutta e verdura aiuti a sgonfiarsi è infatti in grado di far perdere solo dei liquidi che una volta interrotta la dieta saranno ben presto recuperati. Come ormai si sa, per perdere peso reale e quindi massa grassa è necessario consumare pasti bilanciati (come avviene ad esempio nella dieta zona) e senza mai escludere proteine e grassi buoni.

Inoltre va considerato che la frutta è ricca di zuccheri e che consumare solo questo per tre giorni può essere nocivo a chi soffre di diabete, insulino resistenza o altre patologie come, ad esempio, il colon irritabile.
Se il desiderio è quello di dimagrire il consiglio è quindi quello di rivolgersi ad un buon nutrizionista che sappia inserire tutti i macro nutrienti indispensabili, promuovendo la perdita di peso e mantenendo intatta la massa magra e le energie che servono per vivere al meglio la vita di tutti i giorni.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

Dieta

ultimo aggiornamento: 10-02-2022


Tarassaco in cucina: Ecco qualche deliziosa ricetta

Dieta a punti: di cosa si tratta e come funziona