Tutti i rimedi della nonna per le bolle sulla lingua: ridurre il gonfiore e il dolore con bicarbonato, camomilla e altri prodotti naturali.

Germi, batteri e virus sono i principali responsabili delle fastidiose bolle sulla lingua. Si tratta di un’infezione che può diventare molto dolorosa se non trattata da subito. Generalmente si avverte una sensazione di bruciore e gonfiore quando si deglutisce o si parla.

Il loro aspetto può variare in base alla gravità e tendenzialmente dal colore rosso al biancastro. Per curarle ci sono dei rimedi casalinghi davvero efficaci che, nei casi lievi, possono farle sparire in due o tre giorni. Vediamo quindi tutto quello che c’è da sapere sulle vesciche sulla lingua.

Cause delle bollicine sulla lingua

Le principali cause delle bollicine sulla lingua sono da ricondursi a un’infezione virale o ai morsi accidentali. In caso di influenza, ad esempio il sistema immunitario tende a fare meno il proprio lavoro causando afte, gengiviti e bolle. Uno delle cause più frequenti, quindi, è la stomatite aftosa, che produce afte.

Bolle lingua
Bolle lingua

Può anche capire di mordersi la lingua per sbaglio e quindi di causare delle piccole ferite che possono diventare delle ulcere.

Lo stress è un’altra della cause da tenere sotto controllo. Non da meno la carenza di vitamine e acido folico e un uso eccessivo di farmaci.

Anche gli alimenti troppo caldi o piccanti possono causare delle piccole ferite sulla lingua diventando bollicine.

Pustole sulla lingua, brufoli o bolle? Le differenze

Come abbiamo detto, le bolle sulla lingua hanno l’aspetto di un’afta sulla lingua, dalla superficie grigiastra o giallognola con attorno un alone di rossore (o se non troppo grave solo rossa).

Spesso però si fa confusione con le pustole sulla lingua e i brufoli, che non sono altro che degli ingrossamenti di una papilla gustativa, che portano fastidio sì, ma non sono paragonabili alle afte. Una papilla gustativa gonfia è causata da infezioni del cavo orale dovute a una scarsa igiene, o anche da infiammazioni causate da piccole ferite.

Bolle sotto la lingua e bollicine sulla lingua in fondo vicino alla gola

Cosa succede invece quando le bolle sono sotto la lingua? E quando sono vicino alla gola? Facciamo chiarezza:

Per le bolle sotto la lingua valgono le stesse cause delle bolle situate nella parte superiore. Si aggiunge però maggiore fastidio e dolore, a causa del toccarsi costantemente tra lingua e gengive.

Per le bolle sulla lingua vicino alla gola vale ancora la stessa cosa, solo che il punto in cui si forma può portare maggiori fastidi, in questo caso in fase di deglutizione.

Lingua Gonfia
Lingua Gonfia

Bolle bianche sulla lingua e rosse: c’è differenza?

Per quanto riguarda il colore non c’è molta differenza se compaiono le bolle, in quanto esse hanno la tendenza ad essere bianche al centro, con ai lati della superficie interessata di colore rosso. Può capitare di avere una bolla rossa sulla lingua? In questo caso si tratta di un ingrossamento della papilla gustativa, quindi si tratta di un problema diverso.

Inoltre, se la bolle compare sulla punta della lingua o sui lati non c’è differenza sostanziale nelle cause o nei trattamenti.

Bolle sulla lingua: rimedi

Il bicarbonato è uno dei rimedi della nonna più utilizzati di sempre per un pronto intervento. Grazie alle sue proprietà anti-infiammatorie, non solo regola il pH della bocca, ma allevia anche il dolore e il gonfiore.

Per utilizzarlo mescolate in una tazzina 10 ml di acqua bollente con un cucchiaino di bicarbonato. Applicate poi il composto sulla bollicina e lasciate agire per una decina di minuti. Infine, sciacquate la bocca con abbondante acqua fresca.

Da provare anche il sale combinato all’acqua. Potete utilizzarlo per fare dei gargarismi, oppure da applicare direttamente sulla lingua.

Il ghiaccio riesce a dare un immediato sollievo, in quanto riduce l’infiammazione. Mettete un cubetto di ghiaccio dove avete la bollicina e lasciate agire per circa un minuto. Il contrasto caldo freddo diminuirà il dolore.

In alternativa, bere acqua fredda aiuta ad avere un immediato e costante sollievo.

La camomilla è per eccellenza il rimedio della nonna contro il dolore. Grazie alle sue proprietà antibatteriche, antinfiammatorie e analgesiche è ottime per ridurre la bollicine e diminuire il dolore. Da provare dei gargarismi fatti con una semplice tisana alla camomilla.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

chiedilo alla nonna

ultimo aggiornamento: 01-04-2022


Afasia: di cosa si tratta, quali sono i sintomi e cosa c’è da sapere

Cos’è il verme solitario e come si trasmette?