Vulvodinia: cause, sintomi e terapia del dolore vulvare cronico

Che cos’è la vulvodinia e quali sono le nuove cure

La vulvodinia è una sindrome ginecologica che colpisce moltissime donne: scopriamo quali sono le cause, i sintomi e le possibili terapie.

Si chiama vulvodinia, o anche sindrome vulvo vestibolare, ed è una malattia caratterizzata da un intenso dolore della zona esterna dei genitali femminili. Colpisce molte donne, ma il numero esatto non è certo: sono tante infatti coloro che, per pudore, preferiscono non rivolgersi al medico. E anche coloro che lo fanno non sempre riescono ad ottenere una diagnosi precisa. Cerchiamo di fare chiarezza su questa patologia così diffusa, ma ancora così poco conosciuta.

Vulvodinia: cause e sintomi

Con il termine vulvodinia si intende quel dolore cronico che affligge, senza un motivo apparente, la zona che circonda la vulva. Non è ancora stata scoperta la causa di questa malattia, ma le evidenze hanno portato alla luce alcuni fattori di rischio. È più probabile soffrire di vulvodinia se si hanno avuto in precedenza lesioni o irritazioni dei nervi della regione vulvare, sbalzi ormonali o spasmi della muscolatura del pavimento pelvico.

È inoltre importante capire se, celata dal dolore vulvare, ci sia qualche altra patologia. Infatti la vulvodinia potrebbe essere un sintomo di problemi quali cistite interstiziale, endometriosi, fibromialgia, sindrome dell’intestino irritabile, fibromi uterini e infezioni.

Vulvodinia
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/pancia-cuore-amore-ragazza-relax-3186730/

Il dolore provocato da questa malattia si caratterizza per il forte bruciore con cui si manifesta e per la sensazione di puntura di spillo che colpisce la zona. Inoltre possono presentarsi altri sintomi quali irritazione, secchezza vaginale, dispareunia (rapporti sessuali dolorosi), prurito e gonfiore. Il dolore può verificarsi ad intermittenza e presentarsi solo in particolari condizioni (ad esempio dopo la minzione o in posizione seduta) o essere costante.

Le cure per la vulvodinia

Non esiste attualmente una terapia per combattere la vulvodinia, ma solamente cure che possono contrastarne i sintomi. Tra i farmaci più utilizzati ci sono gli antistaminici, per alleviare il prurito, gli antinfiammatori e i cortisonici, per ridurre il dolore e, in certi casi, le creme anestetiche. Sono nelle situazioni più gravi si procede all’intervento chirurgico per rimuovere parte del tessuto più colpito.

Alcune nuove cure per la vulvodinia si basano sul trattamento della muscolatura pelvica. Ad esempio l’elettrostimolazione può aiutare a decontrarre i muscoli e, in un secondo momento, a disinfiammare i nervi colpiti. Il biofeedback, invece, può essere d’aiuto nel diminuire la percezione del dolore.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/pancia-cuore-amore-ragazza-relax-3186730/

ultimo aggiornamento: 17-11-2019