Il prurito intimo in gravidanza è un problema che si presenta solitamente a partire dal secondo trimestre e che può risultare molto fastidioso. Scopriamone le cause e i possibili rimedi.

Quando si parla di prurito intimo in gravidanza si intende la necessità impellente di grattarsi nelle zone intime. Un problema che in forma molto lieve può presentarsi già a partire dal primo trimestre ma che in genere tende a diventare importante solo dal secondo in poi. Per poter alleviare quello che è a tutti gli effetti uno dei fastidi intimi in gravidanza, è quindi importante comprenderne, prima di tutto, le origini.

Prurito vaginale in gravidanza: perché si presenta

Soffrire di prurito o bruciore alle parti intime in gravidanza è piuttosto comune.

prurito intimo gravidanza
prurito intimo gravidanza

Ciò può dipende da diversi fattori che hanno solitamente origine nei cambiamenti ormonali che si susseguono tra loro. Tra gli altri problemi da non sottovalutare c’è però anche quello della candida o di altre infezioni che possono portare a diversi fastidi.

Quando il problema si presenta in modo importante, la prima cosa da fare, è quindi quella di contattare il medico in modo da escludere ogni possibile forma di infezione ed, eventualmente, mettere in atto eventuali cure.

Prurito intimo in gravidanza: cosa fare

Quando si soffre di prurito intimo in gravidanza, i rimedi naturali possono rivelarsi molto utili.
In genere il miele e l’aloe vera sono quelli che si rivelano più efficaci. Ovviamente, prima di farne uso è sempre molto importante parlarne con il medico.

Andando a come gestire il prurito intimo in gravidanza e a cosa usare, è importante mantenere sempre una corretta igiene intima, indossare capi leggeri e possibilmente di cotone, mangiare in modo sano e bilanciato e non dimenticarsi mai dell’importanza di una buona idratazione. In questo modo si potrà contare su un problema molto più lieve e quindi più gestibile.

Ciò vale ovviamente in qualsiasi fase della gestazione e quindi anche in caso di prurito intimo in gravidanza al terzo trimestre.
Ovviamente, se il problema persiste o tende ad aumentare, un consulto con il medico si rivela sempre fondamentale. E tutto perché un’infezione anche leggera, se in gravidanza, non va mai presa con leggerezza.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 04-04-2022


Creatina: effetti collaterali, benefici e indicazioni

Da cosa sono causate le bollicine sulle mani?