La piodermite è un’infezione cutanea che porta solitamente a reazioni infiammatorie molto forti e con presenza di pus. Scopriamo come riconoscerla.

Le piodermiti si manifestano solitamente in presenza di batteri come gli stafilococchi o gli streptococchi. Questi provocano delle reazioni infiammatorie che si manifestano sulla pelle.
Tra le più note ci sono la follicolite, l’impetigine e il patereccio. In base a quanto profonda è l’infezione si può però arrivare a manifestazioni più severe come, ad esempio, la fascite necrotizzante.
Per questo motivo, imparare a riconoscere da subito la presenza di queste infezioni si rivela fondamentale per la salute di chi ne soffre.

Piodermite nell’uomo: cause e sintomi

In genere, tra le cause più comuni che possono portare alla formazione di piodermite ci sono, il clima caldo umido, gli interventi chirurgici, i traumi della pelle (come quelli da depilazione), la presenza di lesioni e il contatto con terra o sabbia.

follicolite
follicolite

Alcune forme di infezioni si rivelano persino contagiose. Motivo per cui, ai primi sintomi è necessario rivolgersi al medico.
Andando alle forme più comuni, è quindi importante imparare a riconoscerle fin dalle primissime manifestazioni.

Nel caso dell’impetigine, ad esempio, i sintomi sono solitamente caratterizzati dalla formazione di bolle o di piccole lesioni che appaiono spontaneamente sulla pelle e che, se rotte, portano alla fuoriuscita di pus con successiva formazione di croste.

Per la follicolite, la manifestazione è in genere sugli arti, sul cuoio capelluto o sotto la barba e si evidenzia dalla formazione di piccole lesioni che possono avere o meno anche del pus.

Il patereccio, infine , si presenta sulle unghie che appaiono dolenti, arrossate, gonfie e con pus.
In tutti i casi, per una corretta diagnosi, è necessario rivolgersi al medico che saprà riconoscere il problema e prescrivere la cura più appropriata.

Come curare la piodermite

Per la piodermite, nota anche come piodermite bollosa, la cura dipende ovviamente dal tipo di problema di cui si soffre.
Quando i sintomi sono ancora lievi e l’infezione è superficiale il trattamento è solitamente a base di soluzioni antisettiche. Nei casi più importanti, invece, si passa sempre all’uso di antibiotici.

È infatti molto importante che l’infezione non degeneri perché facendolo può portare a complicazioni anche gravi. Una volta scoperto di avere problemi in tal senso si rivela unica anche la prevenzione che consiste nell’uso di gel o prodotti antibiotici da usare prima di momenti critici come interventi chirurgici o simili.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 10-04-2022


Cosa fare se si rompe un neo o se si stacca

Caduta dei capelli da stress: cause e rimedi che funzionano