La moringa oleifera è un superfood ricco di proprietà benefiche. Scopri perché fa bene alla salute e quanta consumarne per ottenere i tanti benefici.

Prestare attenzione a ciò che si mangia è il modo più semplice e immediato per prendersi cura della propria salute. Diversi cibi sono infatti ricchi di proprietà benefiche in grado di sostenere l’organismo, proteggendolo al contempo da diverse patologie. Tra i superfood meno conosciuti ma ricchi di proprietà benefiche c’è la moringa. Una pianta di origini asiatiche che è stata considerata preziosa per migliaia di anni e che oggi si sta facendo nuovamente conoscere per le sue svariate proprietà.

Moringa oleifera: perché fa bene alla salute

La moringa oleifera è una pianta che cresce in Asia ed in particolare nelle zone dell’Himalaya, in Sud America e in Africa. L’effetto benefico che ha è così noto che viene chiamata da secoli anche albero dei miracoli in quanto rimedio naturale contro diverse malattie.

moringa
moringa

Non meno importante è il fatto che contiene tutti gli aminoacidi essenziali, cosa molto difficile da trovare in un solo alimento. Gli effetti positivi che ha sono infatti diversi e i più noti sono:

– È un antinfiammatorio naturale
– Combatte i radicali liberi
Regola l’intestino
– Protegge lo stomaco
– Fa bene al fegato
– È un anti stress naturale
– Favorisce la cicatrizzazione dei tessuti
– Fa bene alla vista
– Aiuta a controllare i livelli di zuccheri nel sangue
– Migliora le funzioni cerebrali
– Fa bene a pelle e capelli
– È un multi vitaminico naturale
– Migliora la resistenza alla fatica

Come assumere la moringa oleifera

Perché faccia effetto è importante usare la moringa oleifera pura nella quantità di un cucchiaio al giorno. Si può assumere sotto forma di (in tal caso avrà un sapore che ricorda quello del tè matcha), mettendo in infusione un cucchiaino di foglie essiccate nell’acqua bollente. Altrimenti è possibile assumerla sciolta nel latte, sia di tipo vaccino che vegetale. In alternativa la si può trovare anche sotto forma di compresse.

Prima di iniziare ad usarla è importante chiedere un parere al proprio medico curante. Inoltre, vista l’assenza di informazioni in merito, è sconsigliata sia in gravidanza che durante l’allattamento. Si tratta di un alimento privo di effetti collaterali se non quello di far andare di corpo se si superano le quantità consigliate.


Dolori alle gambe: come capire quando il problema è serio

Perché mangiare bene (e bere tanto) aiuta a vivere più a lungo: i consigli da seguire