L’iperinsulinemia è una condizione di elevata insulina nel sangue. Scopriamo cosa comporta e come curarla.

Quando si parla di iperinsulinemia si intende un valore estremo dell’insulina riscontrabile attraverso gli esami del sangue. Si tratta di una condizione che in base ai livelli di insulina alta può essere più o meno pericolosa e che, in genere, è caratteristica di chi soffre di resistenza all’insulina, di diabete di tipi II o di diabete mellito.
Se un eccesso di insulina minimo può essere facilmente controllato attraverso la dieta e altri protocolli studiati ad hoc caso per caso, in situazioni più gravi può rendersi necessario l’intervento farmacologico. Ecco, quindi, cosa c’è da sapere su questa patologia.

Iperinsulinemia: i sintomi da riconoscere

Quando si soffre di insulina alta, i sintomi non sono sempre facilmente riconoscibili e spesso si riscontra il problema dell’insulina basale alta solo tramite esami del sangue pensati per altri motivi.

valori del sangue
valori del sangue

Ciò nonostante, in casi più gravi si può andare incontro a sintomi come sudorazione, eccessiva stanchezza, sudorazione, svenimento e, nei casi davvero estremi, coma. Tutto ciò è dovuto al crollo della glicemia che si viene a creare in risposta all’insulina alta.

Un problema che non andrebbe quindi sottovalutato in nessun caso. Più in generale, infatti, anche una condizione non grave alla lunga può portare a problemi come quello dell’obesità, della ritenzione di sodio, e dei trigliceridi alti dovuti ad un aumento della sintesi epatica.

Come trattare l’insulina alta nel sangue

Per trattare efficacemente l’insulina alta è necessario, prima di tutto, comprendere quali sono le cause che l’hanno scatenata. Se causata da resistenza all’insulina, ad esempio, si può agire con una dieta mirata e associata a dell’attività fisica. Mentre, in casi più gravi, può essere necessario assumere farmaci specifici o sottoporsi ad un intervento chirurgico.

Visto che le cause alla base di questo problema possono essere diverse, la prima cosa da fare è quella di svolgere diversi esami al fine di riconoscerle e di fare il punto della situazione scoprendo l’entità del problema e le possibili soluzioni. Oltre al medico di base, ci sono centri specializzati che possono essere d’aiuto in queste circostanze.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 21-08-2022


Congiuntivite e cura: tutto quel che c’è da sapere

Acqua ossigenata sulle ferite: ecco come usarla nel modo corretto