Il benessere intimo è una condizione necessaria per la salute generale dell’organismo.

L’adozione di comportamenti corretti e abitudini sane può allontanare il rischio di fastidi o addirittura patologie della zona vulvovaginale. Per esempio, una corretta igiene intima previene alcuni sintomi spiacevoli – come bruciore, prurito e secchezza intima – che caratterizzano la maggior parte dei disturbi dell’area genitale. Al contrario, un’igiene errata o troppo aggressiva può causare infiammazioni, condizioni allergiche, dermatiti e irritazioni cutanee ai genitali esterni.

Benessere Relax

L’importanza dell’igiene intima: guida ai detergenti naturali

La detersione delle parti intime non è un semplice step di routine nell’igiene di ogni giorno, ma ha un ruolo fondamentale per il benessere di ogni donna. D’altronde, i genitali esterni femminili e la vagina sono un’area del corpo molto delicata, popolata da batteri buoni che costituiscono la flora batterica. L’ambiente vaginale, infatti, è caratterizzato dalla presenza di lattobacilli, e  vive in una situazione di equilibrio precario facilmente compromettibile.

Selezionare i prodotti detergenti per l’igiene intima è molto importante. Fate attenzione nello scegliere formulazioni neutre, che rispettino il pH della pelle e non irritano la cute. Si consiglia l’uso di detergenti intimi certificati per assenza di sostanze nocive, pertanto utilizzabili anche dalle pelli sensibili. Tra i migliori in commercio segnaliamo Alis detergente intimo di Leonardo Medica, con formula ad alta tollerabilità cutanea ideale per tutti i momenti della vita di ogni donna.

Le 3 regole per un buon detergente intimo naturale

Ecco le regole da tenere a mente quando scegliete il detergente intimo naturale:

  • Iniziamo dal pH, che nei detergenti intimi è altamente variabile. Di norma acido, varia a seconda se utilizzato da uomini o donne, ma anche in base all’età e alla fase della vita (per esempio, donne in età fertile, in gravidanza oppure in menopausa utilizzeranno pH differenti). Un pH equilibrato serve a mantenere inalterata la flora batterica, evitando così la proliferazione di altri microrganismi potenzialmente patogeni.
  • I detergenti intimi sono a base di tensioattivi, le sostanze che hanno la funzione di miscelare diversi liquidi all’interno dei prodotti lavanti. I tensioattivi naturali sono da preferire ai tensioattivi contenenti derivati del petrolio – come SLS o SLES – che rischiano di irritare la pelle e favorire la secchezza intima. Attenzione anche ad ingredienti chimici quali coloranti e profumi, che possono provocare irritazioni.
  • Per l’igiene intima è preferibile utilizzare prodotti naturali, in grado di mantenere la giusta idratazione, migliorare e favorire l’azione lenitiva ed emolliente.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 10-03-2022


Piatto tibiale: quali sono le cause della frattura e le possibili cure

Rabbia cronica: quando una persona è sempre arrabbiata quali sono i motivi?