Si definiscono farmaci equivalenti al moment, tutti quelli a base dello stesso principio attivo. Ecco cosa è importante sapere a riguardo.

Quando si parla di farmaci equivalenti al moment si intende tutta la serie di medicine che hanno come principio attivo l’ibuprofene. Questi, in base alla composizione e al dosaggio possono essere diversi tra loro e acquistabili con o senza ricetta del medico. È quindi molto importante conoscerne le differenze al fine di non sbagliare con le richieste in farmacia.

Qual à la differenza tra Moment e Momendol

I farmaci a base di ibuprofene sono tra i più utilizzati per l’automedicazione. Fungono infatti da antinfiammatori, antidolorifici e antipiretici.

donna con pastiglia
donna con pastiglia

A volte, però, i nomi dei farmaci ufficiali sono così simili tra loro da creare un po’ di confusione.
Ad esempio, non tutti sanno che c’è una sostanziale differenza tra moment e momendol. Se il primo, come già accennato è a base di ibuprofene, il secondo è invece a base di un altro principio attivo che si chiama naprossene sodico.

Sebbene indicati entrambi per il mal di testa, sono quindi due farmaci diversi. Anche perché il moment agisce per lo più sull’emicrania o dolore pulsante alla testa da entrambi i lati mentre il momendol è più indicato per dolori da cervicale. In caso si decida di passare ad un equivalente è quindi importante specificare sempre al farmacista cosa si sta cercando con esattezza.

Differenza tra Moment e Brufen

Andando invece ad altri due farmaci che possono trarre in inganno, nel caso di moment e brufen, il principio attivo è lo stesso, ovvero l’ibuprofene. Si tratta però di due farmaci con dosaggi diversi. Per questo motivo, se il Moment è liberamente acquistabile senza ricetta, la cosa non vale per per il brufen per il quale è invece richiesta la ricetta.

Come sempre, quindi, anche se all’apparenza, dei farmaci possono sembrare uguali, è importante dedicare loro la giusta attenzione e chiedere il parere del medico o del farmacista prima di decidere quali assumere. Detto ciò, va ricordato che si tratta sempre di medicinali da prendere solo occasionalmente. Qualora l’utilizzo diventasse quotidiano è importante parlarne con il medico per trovare la cause esatta del dolore ed eventuali rimedi più efficaci.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 08-06-2022


Leishmaniosi, la cura nel cane e nell’umano: cosa fare dopo la diagnosi?

Come proteggere le labbra dal sole in modo semplice e naturale