Fin dalla nascita, i nostri bambini imparano a conoscere la loro identità e il mondo che li circonda attraverso le esperienze e le relazioni sociali.

Si tratta di un processo fisiologico e naturale che induce i nostri figli ad apprendere attraverso gli stimoli esterni prodotti dall’ambiente e dalle persone che vivono intorno a loro. Proprio per questo motivo l’aspetto del gioco è una componente fondamentale per una sana e serena crescita del nostro bambino, che impara a scoprire il mondo attraverso l’attività ludica condivisa con tutta la famiglia o messa in atto autonomamente.

Lo sviluppo cognitivo e l’apprendimento passano inevitabilmente attraverso l’attività di gioco, durante la quale, a seconda del periodo di vita, il bambino sviluppa la curiosità, impara ad usare l’immaginazione e comincia, passo dopo passo, a conoscere il mondo.

Smettiamo di credere dunque che giocare con i bambini sia inutile nei primi mesi di vita, perché è molto probabilmente il periodo durante il quale il gioco svolge un vero e proprio ruolo didattico. Il fatto che i bambini non partecipino attivamente all’iniziativa perché ancora troppo piccoli per interagire con noi, non significa che non ne siano fortemente attratti e che non stiano imparando qualcosa di molto importante per la loro crescita.

I giochi più adatti allo sviluppo cognitivo per ogni periodo di vita.

Nelle prime 8 settimane di vita i bambini sono principalmente attratti dal riconoscimento del viso materno e dalla scoperta degli oggetti che lo circondano. L’interazione tra mamma e bambino in queste prime settimane è importantissimo per il suo sviluppo cognitivo, che andrà stimolato attraverso le espressioni facciali rassicuranti della propria mamma. Sarà quindi sufficiente parlare molto al nostro bambino e mostrargli immagini o oggetti lineari e semplici per attirare la sua attenzione e introdurlo alla scoperta del mondo che ha intorno a sé.

Dal secondo a quinto mese i nostri bimbi imparano attraverso il gioco la correlazione diretta tra movimento di un oggetto e rumore generato da esso. Il sonaglio è il classico gioco con il quale il lattante impara a comprendere che scuotendolo energicamente otterrà come conseguenza l’emissione di un rumore generato dal movimento. Anche l’apprendimento attraverso il tatto viene stimolato dal gioco: imparare a conoscere il mondo circostante attraverso il senso del tatto è un altro importantissimo step che passa attraverso l’attività ludica. Prendere in mano oggetti realizzati in materiali differenti insegnerà ai bambini a distinguerli per la loro consistenza, il loro peso e la loro malleabilità.

Dal quinto mese al compimento del primo anno di vita i nostri bambini si muovono e interagiscono attivamente con i giochi che mettiamo loro a disposizione e con le persone con le quali condividono il momento del gioco. l giochi più adatti a questa fase sono quelli caratterizzati da attività che stimolano le capacità motorie, l’ascolto, la vista e il tatto. Un valido esempio di gioco che soddisfa tutti questi aspetti in un unico prodotto è Centro Attività Amici della foresta di Fisher-Price.

Centro attività Amici della Foresta
Centro attività Amici della Foresta

Si tratta di divertente centro attività rotante con accessori colorati da manipolare, all’interno del quale il nostro bambino potrà muoversi, saltare e ballare in tutta sicurezza, accompagnato da musica e luci colorate.

Uno stimolante gioco per i bambini sotto l’anno di età che imparano a conoscere il mondo attraverso le luci, i colori e il movimento del loro corpo, caratterizzato da simpatiche scimmiette appese alla struttura, pulsanti da premere, morbidi peluche, oggetti da afferrare e una seduta in grado di ruotare a 360 gradi, ideata per stimolare la capacità motoria dei nostri bimbi. Centro Attività Amici della Foresta incoraggerà il nostro bimbo a saltare, stare in punta di piedi e afferrare gli oggetti interattivi.

Un gioco divertente ma anche fortemente educativo, che aiuterà il nostro bambino a crescere attraverso la scoperta e la sollecitazione della curiosità, a ritmo di musica.

Riproduzione riservata © 2021 - NB

ultimo aggiornamento: 15-06-2020


Spuntini notturni: cosa mangiare se la fame incombe

Capelli grigi: lo stress potrebbe causare il temuto cambio di colore