Buddha bowls: cosa sono e come si preparano

Come realizzare la doppia coda

Le Buddha bowls sono ciotole grandi e ampie, riempite con diversi ingredienti, tutti sanissimi. Vediamo come prepararle.

L’ultima moda nel campo dell’alimentazione sono le Buddha bowls, delle ampie ciotole tonde come la pancia di Buddha (da cui prendono nome), piene di verdure, ortaggi, legumi, cereali e in generale alimenti vegetali.

Non esistono specifiche ricette per prepararle, ognuno può inserire nella sua ciotola quello che preferisce, ma seguendo delle precise regole: gli alimenti devono essere sani, preferibilmente vegetali, e disposti in modo tale da restare separati e non mescolati come in una comune insalata. Vediamo nei dettagli come preparare una perfetta Buddha bowl.

Buddha bowl: cos’è e come si prepara

Buddha bowls
FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/Af94pQ6y71PWxXXT-ThtWRjA6QckjQQ_1Bo9owiXY3gYRUC3U-_EYaQ/

Le Buddha bowls ricordano l’antica tradizione dei monaci buddisti di bussare alla porta delle case dei fedeli, chiedendo offerte per il dio, che di solito consistevano in cibo, fiori, incensi. La ciotola di Buddha usata dai monaci era grande e tonda e una volta riempita appariva coloratissima, proprio come le Buddha bowls che oggi vanno tanto di moda.

La Buddha bowl non va confusa con la classica insalata mista: gli ingredienti vanno scelti con molta cura e devono avere un contenuto equilibrato di carboidrati, proteine e grassi. Inoltre, gli alimenti non vanno mai mescolati, ma disposti separatamente, in modo molto ordinato. Come potete intuire, la preparazione di queste coloratissime ciotole richiede tempo e pazienza, non è un pasto da cucinare al volo!

Pur essendo composta quasi esclusivamente da alimenti vegatali, la Buddha bowl è molto saziante e nutriente. Per riempire correttamente la ciotola, bisogna inserire:

proteine, meglio se vegetali, come i legumi, la soia e i suoi derivati (tofu e tempeh);

carboidrati, preferibilmente integrali, come il riso, il farro, l’avena, il miglio e la quinoa;

verdure crude e cotte di stagione;

grassi vegetali, come un filo d’olio d’oliva o di avocado, semi oleosi e frutta secca.

FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/Af94pQ6y71PWxXXT-ThtWRjA6QckjQQ_1Bo9owiXY3gYRUC3U-_EYaQ/

Ricevi gli ultimi aggiornamenti, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 07-05-2018

Federica Maria Ferrara

X