L’anuptafobia è una particolare sindrome che colpisce le persone che vivono in modo particolarmente negativo la condizione da single. Ecco i sintomi e i rimedi per uscirne.

Essere single, nella maggior parte dei casi è una scelta. A volte, però, può capitare di trovarsi ad esserlo senza volerlo. E, per alcune persone ciò rappresenta un problema così grande da diventare una patologia nota anche come anuptafobia. Chi soffre di questa sorta di sindrome, infatti, vive in modo quasi ansioso la condizione da single. Scopriamone l’esatto significato, i sintomi e le strategie per uscirne.

I sintomi di chi ha paura di vivere da single

Il significato di anuptafobia è letteralmente paura (da fobia) della mancanza delle nozze (da anupta).

donna depressa
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/ragazza-tristezza-solitudine-triste-3421489/

Si evince quindi che chi ne soffre non è in grado di vivere da single e sente il bisogno costante di avere accanto un partner. Si tratta di un problema più grande di quanto si pensi, perché finisce con il diventare un’ossessione, portando a stati estremi di ansia o alla scelta di affiancarsi anche a persone sbagliate, e tutto solo per evitare di sentirsi soli.

Spesso chi soffre di questo problema non se ne rende conto coscientemente. I sintomi dell’anuptafobia però sono abbastanza ricorrenti e possono riassumersi così:

– Pensiero fisso al fatto di essere single
– Sensazione di fallimento al pensiero di non avere ancora un partner
– Sensi di colpa
– Stati d’ansia
Depressione
– Ricerca ossessiva di un partner
– Accontentarsi di flirt temporanei pur di stare con qualcuna
– Difficoltà nel chiudere una relazione anche se insoddisfacente
– Annientamento all’interno della relazione

Si tratta di una fobia che può presentarsi a qualsiasi età ma che statisticamente tende a colpire maggiormente le donne dai 30 ai 40 anni.

Come guarire dall’anuptafobia

Sebbene non esista una vera e propria cura per l’anuptafobia, si può dire che riconoscere di avere il problema è già un buon primo passo. A ciò si aggiunge la volontà di risolverlo. Cosa che si può fare attraverso un percorso di psicoterapia che aiuti a conoscersi a fondo, capire da dove partono determinate paure e trovarvi una soluzione.

È infatti molto importante che chi ha problemi di anuptafobia sia anche in grado di lavorare su se stesso, di accrescere la proria autostima e di mettersi sempre in discussione. Solo così si riuscirà a sentirsi completi anche se non in coppia, arrivando a trovare un equilibrio personale e a godersi tutti gli altri aspetti della vita.

Fonte foto di copertina: https://pixabay.com/it/photos/ragazza-tristezza-solitudine-triste-3421489/


Dieta Fodmap, il regime alimentare che previene la sindrome da colon irritabile

Peso in gravidanza: come cambia e da cosa dipende