Sapete che passare l’acqua ossigenata sul viso può apportare diversi benefici alla pelle? Vediamo quali sono e a cosa fare attenzione.

È possibile utilizzare l’acqua ossigenata sul viso? Certo, a patto che non si esageri con la quantità e si diluisca il prodotto con l’acqua. Vediamo quali benefici apporta all’epidermide e, soprattutto, cosa tenere bene a mente prima di iniziare un qualsiasi trattamento.

Acqua ossigenata sulla pelle: i benefici

L’acqua ossigenata sul viso, a patto che l’epidermide abbia una serie di ‘requisiti’, può apportare diversi benefici. Innanzitutto, il perossido di idrogeno (H2O2), se utilizzato in piccole quantità e in bassissime concentrazioni (3%/10 volumi), è in grado di schiarire le macchie della pelle presenti sul volto e sulle mani. Ricordate, però, che non va mai utilizzata pura, ma sempre e solo diluita con un po’ d’acqua.

Questo prodotto, che tutti utilizziamo per disinfettare le ferite, riesce ad eliminare germi e batteri anche dall’epidermide. Pertanto, è consigliato quando la pelle necessita di un trattamento strong e altamente igienizzante. Inoltre, non dimenticate che potete aggiungerlo, sempre in quantità limitate, al dentifricio. Così facendo otterrete un composto sbiancante. Idem se avete problemi con le unghie ingiallite o macchiate.

Tornando all’epidermide, l’acqua ossigenata per la pulizia viso, in presenza di brufoli o acne, può aiutare a combattere i lievi inestetismi, andando anche a dare maggiore ossigeno ai pori. E’ bene sottolineare, però, che è consigliato seguire le indicazioni del dermatologo di fiducia.

Accortezze da tenere bene a mente

Come avrete facilmente compreso, l’acqua ossigenata consente di eliminare le macchie dal viso, dai denti, dalle mani e dalle unghie. Ricordate, però, che il perossido di idrogeno è vietato per quanti hanno la pelle con problemi di allergie, ustioni, tagli, eruzioni cutanee o piaghe profonde. Inoltre, non dimenticate che questo prodotto tende a seccare la pelle, per cui dopo il trattamento dovete necessariamente usare una crema ad hoc.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 20-07-2022


Dispnea: di cosa si tratta e quali sono i sintomi

Ortopnea, cos’è e come si manifesta: attenzione alla causa