Acqua alcalina, rimedio naturale o bufala? Ecco la verità

Scopriamo che cos’è l’acqua alcalina, quali sono i suoi benefici per la salute e i possibili effetti collaterali da tenere in considerazione.

Ultimamente si sente spesso parlare di acqua alcalina, presentata come un valido rimedio naturale per prevenire l’eccessiva acidosi dell’organismo e le malattie che a essa sarebbero collegate, come il cancro, l’osteoporosi, l’ipertensione, il diabete e l’ulcera.

Secondo i sostenitori della dieta alcalina, l’alimentazione occidentale contemporanea sarebbe troppo ricca di alimenti acidi, che abbasserebbero il pH fisiologico. Per riequilibrarlo, oltre a consumare cibi dal pH basico, bisognerebbe bere acqua alcalina ionizzata. Ma è vero tutto questo? Approfondiamo!

Acqua alcalina, cos’è?

acqua alcalina
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/bottiglia-acqua-minerale-2032980/

L’acqua alcalina è un’acqua dal pH superiore al 7.0. Non è possibile acquistare acqua alcalina in bottiglia, perché tutte le acque imbottigliate presenti in commercio devono avere per legge un pH compreso tra il 6.5 e il 9.5, per garantire una composizione chimica equilibrata e pure microbiologicamente.

Per ottenere l’acqua ionizzata bisogna ricorrere ad appositi apparecchi, come quelli prodotti da AlkaSystem e Meglioinsalute, che come riportato su Altro Consumo, hanno ricevuto una multa per pratica commerciale scorretta. Questi apparecchi espongono l’acqua a una corrente a basso voltaggio, che viene fatta passare in due elettroliti di titanio, rivestiti di platino, i quali vengono immersi nell’acqua. In questo modo vengono prodotti due tipi di acqua, espulsi dall’apparecchio separatamente: quella alcalina ionizzata, destinata al consumo alimentare, e quella acida, da usare solo per la detersione.

Acqua alcalina: benefici

Secondo il Dottor Robert O. Young, la dieta alcalina, e quindi anche l’acqua, sarebbero in grado di prevenire l’acidosi e quindi le patologie a essa dovuta, quali tumori, problemi cardiocircolatori, osteoporosi, diabete e ipertensione. Il Dottor Young, però, nel 2014 è stato arrestato per truffa, esercizio medico abusivo e altri pesanti capi d’imputazione. Le sue teorie, insomma, sarebbero prive di fondamenti scientifici.

A confermarlo è anche il fatto che l’acqua non può in alcun modo modificare il pH del sangue, perché quando entra a contatto con lo stomaco, viene neutralizzata dal suo pH acido. Inoltre, l’equilibrio acido-base dell’organismo, in condizioni normali, si mantiene costantemente in condizioni di leggera alcalinità, con un pH compreso tra 7.35 e 7.45.

Variazioni del pH sanguigno si hanno solo in caso di patologie renali, diabete gravi, terapie farmacologiche e diete estreme, come quella chetogenica. Queste variazioni devono essere evitate, perché compromettono gravemente la salute e, in casi estremi, possono essere addirittura letali. Insomma, bere acqua alcalina non sembra avere i tanto decantati benefici.

Acqua alcalina: effetti collaterali

Per quanto non abbia benefici, l’acqua ionizzata non ha nemmeno grandi effetti collaterali, visto che non è in grado di alterare il pH del sangue.

FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/bottiglia-acqua-minerale-2032980/

ultimo aggiornamento: 03-10-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures