Avere la vitamina B12 alta può essere rischioso e portare a sintomi di vario tipo. Scopriamo quali sono i più importanti.

Le vitamine del gruppo B sono essenziali per il nostro organismo. E lo sono al punto che quando si nota una carenza si cerca sempre di reintegrarle sia con l’alimentazione che con farmaci a base di vitamine. Ciò nonostante, la vitamina B12 alta può portare a dei sintomi poco piacevoli e ai quali è importante prestare molta attenzione. Sebbene l’ipervitaminosi B12 (come viene chiamato l’aumento di questa vitamina nel sangue) sia una condizione piuttosto rara, non va quindi mai sottovalutata.

Come notare l’eccesso di vitamina B12

Questa vitamina svolge diversi ruoli importanti che vanno dal metabolismo degli aminoacidi alla produzione dei globuli rossi.

vitamina b12
vitamina b12

Per questo motivo è molto importante che sia sempre nei giusti livelli e che non vada mai sotto la soglia. Tuttavia, anche dei valori troppo alti non sono consigliati. Motivo per cui davanti a sintomi che possono essere un campanello d’allarme dell’eccesso di vitamina B12 nel sangue il medico è solito prescrivere un prelievo per determinarne i livelli effettivi.
Andando ai sintomi più comuni del suo eccesso nel sangue, ci sono:

– Gonfiore
– Prurito
– Difficoltà nel respirare
Rash cutaneo
– Oppressione al petto
– Nervosismo
– Tremore
– Battito del cuore accelerato
– Orticaria
– Palpitazioni
– Insonnia
– Problemi ai reni
– Acne
– Stati ansiosi
– Reazioni allergiche

Perché la vitamina B12 tende ad innalzarsi

Ad oggi, trattandosi di una situazione piuttosto rara, non ci sono certezze sul perché questa vitamina si trovi più alta in determinate persone. Tra le cause più comuni, fatta eccezione per alcune malattie alle quali si può associare questo aumento, ci sono l’eccesso di integratori e un’alimentazione esagerata di carni, uova e derivati del latte.

Quando si riscontra un simile problema, quindi, il primissimo approccio è quello di effettuare degli esami di approfondimento al fine di escludere alcune malattie importanti che possono presentarsi con l’aumento di vitamina B12. In contemporanea, segue solitamente una modifica dello stile alimentare e punta a diminuire l’assunzione di alimenti che contengono questa vitamina.

Fatto ciò, il medico si occuperà di mantenere il paziente sempre sotto controllo, verificando di tanto in tanto i valori del sangue in modo da anticipare ulteriori innalzamenti.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 26-06-2022


Come dimagrire in menopausa: tutto quel che c’è da sapere

Smalto in gravidanza, concesso con riserva: occhio alle sostanze che contiene