La saponificazione è la trasformazione di grassi e oli in sapone.Scopriamo come funziona e cosa c’è da sapere a riguardo.

Quando si parla di saponificazione si intende la trasformazione di oli vegetali o animali e di grassi nel così detto sapone. Questo processo prende anche il nome di idrolisi degli esteri del glicerolo e viene effettuata in condizioni basiche. Andando più nello specifico, sia i grassi che gli oli sono degli esteri formati da tre molecole di acidi grassi e da una di glicerolo. Sebbene allo stato naturale siano quasi sempre solidi, se in presenza di soluzioni alcaline, i grassi subiscono la reazione di saponificazione dando così forma ai così detti saponi.

Come funziona la reazione di saponificazione

La reazione di saponificazione è quella di un estere con una base forte. Si tratta del processo base attraverso cui si procede alla creazione dei comuni saponi.

sapone
sapone

Processo che viene identificato anche con il termine di saponificazione dei grassi.
Andando alla saponificazione e al meccanismo che intercorre, questo avviene per la capacità tensioattiva insita nelle molecole di sapone.

Queste sono infatti in grado di ridurre la tensione di un liquido separandolo dalle altre componenti e dallo sporco. Da qui l’azione pulente dei saponi che, una volta pronti, non contengono più la soda caustica che, invece, è presente durante la loro preparazione. Per riassumere, quindi, per avviare la saponificazione servono dei grassi, dei liquidi e la soda caustica.

Realizzare dei saponi fatti in casa

Ora che abbiamo visto come funziona la saponificazione, è bene ricordare che i saponi si possono realizzare anche in modo più semplice. Per farlo basta infatti utilizzare acqua distillata, sapone di Marsiglia, olio vegetale e qualche olio profumato.

In questo modo si potranno ottenere dei saponi in modo piuttosto semplice ed economico e tutto senza dover usare la soda caustica che, altrimenti, si rivela indispensabile per la preparazione del sapone. Una preparazione che se non si ha la giusta manualità può risultare pericolosa e che pertanto è consigliato eseguire nel modo più semplice, sopratutto le prime volte.

Così facendo si otterranno gli stessi risultati senza per questo correre rischi o acquistare materiali che non si è nella possibilità di usare.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 06-07-2022


Orticaria e angioedema: cos’è e quali sono le cause

Ormai vi hanno morso? Ecco i rimedi contro le punture di zanzare e cosa capita quando pungono