Radicchio rosso: tutte le proprietà e le ricette più gustose

Come realizzare la doppia coda

Il radicchio rosso non è solo buonissimo, ma anche ricco di proprietà benefiche. Scopriamo quali sono e come usarlo in cucina.

Il radicchio rosso è un ortaggio ricco di proprietà benefiche, oltre che molto saporito. Appartiene alla famiglia delle Composite ed è coltivato in tutta Italia, anche se le varietà più pregiate sono il radicchio trevigiano, quello di Verona e quello di Chioggia. Esistono, inoltre, alcune varietà di radicchio selvatiche.

L’aspetto e il sapore cambiano in base alla tipologia, può essere amaro o dolce, lungo o tondo, con foglie completamente rosse o bianche con striature rosse, in ogni caso è sempre molto croccante. Anche il nome cambia da regione a regione, in alcune zone è addirittura chiamato cicoria, anche se quest’ultima è una pianta ben diversa, che ha in comune con il radicchio solo il sapore amarognolo.

Il radicchio rosso lungo è quello tipico di Treviso. Il colore delle sue foglie è rosso vino, con striature bianche. Il radicchio tardivo trevigiano è il più pregiato. Il radicchio rosso tondo è più diffuso e meno pregiato, ma non per questo meno saporito.

Il radicchio è un ortaggio molto versatile, può essere utilizzato in cucina sia crudo che cotto. Vediamo nei dettagli quali sono tutte le sue proprietà benefiche, quali i valori nutrizionali e come cucinarlo.

Radicchio rosso: proprietà e benefici

radicchio rosso
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/radicchio-insalata-rosso-bianco-318197/

Il radicchio rosso è un concentrato di benessere, grazie all’elevato contenuto di sali minerali e vitamine. In particolare, è ricchissimo di potassio, magnesio, calcio, zinco, fosforo, ferro, sodio, manganese, rame, vitamina C, vitamine del gruppo B, vitamina E, e vitamina K.

Contiene, inoltre, tantissima acqua e fibre, che gli conferiscono proprietà depurative e lo rendono ottimo per contrastare disturbi intestinali, come la stitichezza e le difficoltà digestive. Le fibre aiutano anche ad abbassare i livelli di zuccheri e colesterolo nel sangue, per questo il radicchio rosso, di qualsiasi tipo, è consigliato a tutti coloro che soffrono di diabete (specialmente il diabete di tipo 2) e colesterolo. Inoltre, ha poche calorie ed è quindi perfetto per chi deve seguire un regime dietetico ipocalorico.

Come tutta la verdura e la frutta di colore rosso, anche il radicchio è ricchissimo di antiossidanti, in particolare triptofano e antociani, che aiutano a prevenire i disturbi cardiocircolatori. Il triptofano, poi, ha anche un effetto positivo sul sonno e aiuta a contrastare l’insonnia.

Le vitamine e i sali minerali lo rendono ottimo per rafforzare le difese immunitarie, per garantire il corretto funzionamento del sistema nervoso e per combattere alcune malattie della pelle, come la psioriasi e l’acne. Ovviamente, come tutti i rimedi naturali, il radicchio è un valido aiuto per la nostra salute, ma non può sostituire i farmaci.

Radicchio rosso: calorie e valori nutrizionali

Come abbiamo anticipato, il radicchio rosso è poco calorico. 100 grammi di ortaggio crudo, infatti, contengono 13 kcal/52 kj. È inoltre privo di colesterolo, povero di grassi, ricco di acqua, fibre e vitamine. I valori nutrizionali del radicchio (sempre per 100 grammi) sono:

– Acqua 94 g

– Proteine 1,4 g

– Carboidrati 1,6 g

– Zuccheri 1,6 g

– Grassi 0,1 g

– Colesterolo 0 g

– Fibre 3 g

– Fosforo 30 mg

– Potassio 240 mg

– Sodio 10 mg

– Calcio 36 mg

– Ferro 0,3 mg

– Vitamina A tracce

– Vitamina B1 0,07 mg

– Vitamina B2 0,05 mg

– Vitamina B3 0,3 mg

– Vitamina C 10 mg

Radicchio rosso: ricette

Come abbiamo anticipato, il radicchio rosso è molto versatile e può essere usato in cucina per preparare numerose ricette. Può essere consumato crudo, da solo o in insalate miste, oppure cotto, ad esempio in zuppe e risotti.

Una ricetta molto semplice, ma allo stesso tempo saporita, è il radicchio in pastella. Gli ingredienti sono:

– 100 grammi di foglie di radicchio,

– 100 grammi farina,

– 1 birra ghiacciata da 140 ml,

– 1 limone,

– olio extravergine d’oliva.

Lavate accuratamente le foglie di radicchio e lasciatele asciugare. Intanto, preparate la pastella con la farina e la birra. Setacciate la farina in una ciotola, aggiungete un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva, un cucchiaio di succo di limone e la birra freddissima, quindi mischiate tutto con uno sbattitore elettrico, fino ad ottenere un composto ben amalgamato, liscio e privo di grumi. Passate le foglie di radicchio nella pastella e friggetele.

Per stare più leggeri, potete cuocere il radicchio alla grigia. Tutto quello che dovete fare è lavare e asciugare accuratamente le foglie e poi grigliarle. In alternativa, potete aggiungere il radicchio ad un’insalata mista, da condire con succo di limone o aceto e un pizzico di sale.

Se preferite cuocerlo, potete provare il radicchio al forno. Gli ingredienti sono:

– 1 radicchio rosso lungo,

– parmigiano grattugiato,

– olio extravergine d’oliva,

– sale e pepe quanto basta.

Tagliate il radicchio in più parti in senso verticale, lavatelo bene con acqua fredda e asciugatelo. Mettetelo quindi in una teglia ricoperta con della carta da forno, cospargetelo con dell’olio, abbondante parmigiano grattugiato, sale e pepe quanto basta. Infine, lasciate cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa un quarto d’ora.

Una ricetta molto famosa con il radicchio rosso di Treviso è il risotto alla trevisana. Gli ingredienti sono:

– 300 grammi di riso per risotti,

– 1 cipolla,

– vino bianco,

– 60 grammi di burro,

– 1 litro di brodo vegetale,

– 2 cespi di radicchio di Treviso,

– parmigiano,

– olio extravergine d’oliva,

– sale e pepe quanto basta.

Tagliate il radicchio a metà in senso verticale, lavatelo bene e poi tagliatelo a julienne. Tagliate a dadini la cipolla e fatela soffriggere insieme al burro in una padella. Aggiungete il radicchio, fate cuocere ancora un po’ e poi aggiungete un mestolo di brodo bollente. A questo punto, aggiungete il riso, mescolate bene e fatelo tostare. Versate un po’ di vino bianco e fate sfumare l’alcol, prima di aggiungere dell’altro brodo.

Continuate a mescolare, per evitare che il riso si attacchi e, man mano che il brodo si asciuga, aggiungetene dell’altro, sempre mescolando. Dopo circa 15-20 minuti, controllate la cottura: se i chicchi sono cotti, potete smettere di mettere brodo.

Aggiungete il sale, il pepe e il parmigiano, mescolate bene e togliete il risotto dal fuoco.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 05-02-2018

Federica Maria Ferrara

X