I push up sono le cosiddette flessioni sulle braccia che si rivelano utili sia per rassodarle che per rafforzare i muscoli. Scopriamo come si fanno e a cosa servono.

Quando si parla di push up si intendono i piegamenti sulle braccia che aiutano a rafforzarle senza l’uso di pesi o attrezzi specifici. A fare la differenza è infatti la spinta che si ha durante l’esercizio e che funge da carica in grado di lavorare sui muscoli. Per realizzarli, inoltre, si acquisisce inevitabilmente una certa stabilità che porta ad allenare seppur in modo secondario anche altre zone del corpo che vanno dagli addominali ai glutei. Scopriamo, quindi, come effettuare nel modo corretto questi esercizi.

Come effettuare dei push up corretti

Per realizzare dei push up che funzionino, è indispensabile posizionarsi nel modo corretto al fine di non gravare sulla schiena.

push up
push up

Fatto ciò è molto importante inginocchiarsi a terra (meglio se su un tappetino) e appoggiare le mani al pavimento tenendole perpendicolari alle gambe. A questo punto è il caso di stendere i piedi e tenerli vicini.

Fatto ciò, si potrà procedere sia con le ginocchia appoggiate a terra (la versione più semplice) che con le gambe tese (versione più complicata). Le braccia dovranno prima piegarsi e poi flettersi tornando indietro e tutto mantenendo la schiena ben dritta. Nell’eseguirli è importante ricordare che più le gambe saranno unite e più sarà difficile l’esercizio.

Inoltre, esiste anche una push up board per esercizi più semplificati e da fare con uno strumento che può aiutare a muoversi nel modo corretto. Ecco un video che spiega nel dettaglio tutti i movimenti:

Come eseguire gli esercizi push up per i glutei

I push up classici che si fanno per le braccia aiutano a lavorare in modo indiretto anche su addominali e glutei. Ciò nonostante esistono anche dei push up specifici per questi ultimi. Per farli basta sdraiarsi (sempre meglio se su un tappetino) e tenere le braccia stese e perpendicolari al corpo. Per eseguirli basta sollevare i glutei da terra e contrarre bene la zona. Così facendo sarà possibile allenarli e rassodarli.

In entrambi i casi, i push up possono essere davvero utili ma per farlo devono essere realizzati nel modo corretto. Se si hanno dubbi (in particolar modo sulla postura che si assume durante l’esercizio) può essere utile contattare un personal trainer in modo da iniziare a svolgerli con una super visione. In questo modo si potranno eseguire senza danni e con la sicurezza di ottenere dei risultati tangibili.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

star bene

ultimo aggiornamento: 24-10-2022


Collagenopatie: cosa sono e come si manifestano le connettiviti

Fuga dissociativa: di cosa si tratta e come si cura