La propoli costituisce un nutrimento ricco di energia, prezioso per allontanare i mali di stagione e rafforzare le difese immunitarie. Scopriamo i benefici, ma anche gli effetti collaterali.

La propoli è una sostanza che viene prodotta dalle api e oggi rappresenta un rimedio molto usato in diversi campi. Il suo nome deriva da pro e polis, e sostanzialmente significa davanti alla città: il motivo è che viene utilizzato dalle api per difendere l’alveare.

La sua origine è la resina che riveste gli alberi, e che dunque li protegge da virus, batteri, funghi e altri invasori. Gli insetti lo raccolgono direttamente dalle piante, che possono essere di diversa natura (pioppo, cipresso, quercia, betulla, eucalipto, ontano, salice e tanti altri ancora).

Ma quale utilizzo possiamo farne noi? Scopriamolo insieme ai suoi benefici e agli effetti collaterali da non sottovalutare.

I principi attivi del propoli

Vediamo subito quali sono le sostanze e i principi attivi che sono contenuti nella propoli, formato per lo più da resine, balsami e cere. Al suo interno troviamo acidi aromatici, pollini e diversi olii essenziali, ma anche sali minerali come ferro, calcio, manganese e diverse vitamine, soprattutto del gruppo B. Vi sono poi flavonoidi, polifenoli e sostanze organiche di origine vegetale e minerale.

Propoli
Propoli

Le proprietà della propoli e i benefici

Questo elemento si può utilizzare in diverse situazioni: le sue proprietà, infatti, sono antivirali, antimicotiche, ma è anche vasoprotettivo, immunostimolante e cicatrizzante.

Si può assumere per combattere infiammazioni come afte, ascessi, gengiviti, oppure anche per far fronte a irritazioni e bruciature. Anche il mal denti può trovare sollievo grazie a questo prodotto.

Uno degli usi più diffusi, poi, è quello di utilizzare la propoli per la gola infiammata, ma è anche un rimedio contro altri sintomi da raffreddamento come tosse, raffreddore e altro. La propoli per la pelle è, poi, un rimedio per tantissimi problemi grazie alle sue doti cicatrizzanti: come le irritazioni, piccole scottature e brufoli.

Prendere la propoli: come assumerla

La propoli si può trovare pura soltanto dagli apicoltori, mentre invece nelle erboristerie e negozi dedicati si può acquistare la tintura madre di propoli, ma anche degli olii o altri prodotti.

Solitamente si consiglia la soluzione alcolica, che viene assunta sciogliendo dalle 8 alle 10 gocce in un bicchiere d’acqua. Meglio, inoltre, se preso lontano dai pasti. In alternativa usatene meno gocce e assumetelo con un cucchiaino di miele.

Controindicazioni della propoli ed effetti collaterali

Non ci sono solo aspetti positivi, è bene conoscere a 360° la propoli per sapere quanta e quando assumerla per non rischiare di incorrere in fastidiosi e a volte pericolosi effetti collaterali. Questo prodotto naturale al 100% è infatti sconsigliato per i soggetti sensibili e allergici, in caso di ingestione e di relativa reazione allergica i sintomi saranno i classici dell’allergia e si presenteranno con asma e/o irritazioni localizzate come dermatiti.

Un’altra situazione dove i medici, solitamente sconsigliano di assumere la propoli è la gravidanza, infine non è assolutamente indicata in quei soggetti che devono prendere molti farmaci durante il giorno poiché potrebbe fare reazione, diventando anche pericolosa nei soggetti più sensibili.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

chiedilo alla nonna

ultimo aggiornamento: 01-10-2021


Cos’è il long Covid? Ecco come fare per riconoscerlo

Quando la moda fa bene al pianeta: borracce ecologiche, perché sceglierle