La pitiriasi lichenoide è una malattia dermatologica caratterizzata dalla comparsa di specifiche lesioni cutanee. Capiamo come riconoscerla e curarla.

Quando si parla di pitiriasi lichenoide si intende una malattia che si evince attraverso la comparsa di lesioni sulla pelle e le cui cause sono ancora sconosciute.
Più frequente in giovane età e nelle persone di sesso maschile, la pelle lichenificata tende ad apparire principalmente nel tronco e negli arti. Le lesioni sono solitamente papule e, più raramente, vesciche che possono aprirsi. Solo in rari casi, queste sono pruriginose e se non curate per tempo possono lasciare delle cicatrici.

Dermatite lichenoide: cause e sintomi

Come già accennato, ad oggi, le informazioni riguardanti il perché di questa patologia sono ancora poche. Si pensa, tuttavia, che tra le cause scatenanti possano esserci delle reazioni di ipersensibilità ad agenti infettivi o farmaci.

eritema
eritema

Chi ne sviluppa i sintomi, infatti, ha spesso degli anticorpi che indicano un infezione recente contro alcuni batteri come il mycoplasma, il toxoplasma, l’hiv o il virus responsabile della mononucleosi. Inoltre, seppur più raramente è emersa una corrispondenza tra questa forma di pitiriasi e la presenza di lichen planus.

Andando ai sintomi, come già detto si tratta per lo più della comparsa di papule che possono essere più o meno pruriginose e che a volte possono essere accompagnate da delle vescicole che tendono a creare delle croste che se non curate nel modo corretto possono lasciare delle vesciche, sopratutto in caso di pitiriasi lichenoide cronica.

Per una corretta diagnosi occorre quindi recarsi dal medico che dopo un’attenta osservazione può decidere per una biopsia in grado di escludere altre malattia come psoriasi o varicella, e determinare la dermatite con lichenificazione.

Come curare la patologia

Una volta riscontrato il problema e riconosciuta la dermatite lichenoide, la cura è consequenziale. In genere è possibile agire mediante fototerapia o attraverso l’assunzione di farmaci specifici che riducono la proliferazione delle cellule. Sono inoltre somministrati spesso sia i cortisonici che gli antibiotici ad uso orale. Motivo per cui, durante la fase viva della pitiriasi e nel mezzo della sua cura è altamente sconsigliato esporsi al sole.

Il tipo di cura viene ovviamente scelto di volta in volta dal medico in base alla sintomatologia e alla gravità della situazione.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 29-05-2022


Perdite trasparenti in gravidanza: perché arrivano e come comportarsi

Granuloma ombelicale del neonato: cos’è e come si cura