Le perdite marroni sono un tipo di secrezione vaginale che può presentarsi per diversi motivi. Scopriamo quali sono i principali.

Quando si parla di perdite marroni si intendono quelle che si trovano spesso sugli slip e che possono presentarsi in vari momenti della vita e per motivi diversi. Sebbene nella maggior parte dei casi, le macchie marroni siano legate al ciclo mestruale, in alcuni casi possono dipendere da problemi fisiologici che è sempre bene indagare.

Perdite marroni: come si presentano e cosa possono significare

Le perdite marroni prima del ciclo sono delle perdite di scarsa entità e indicano la possibile ovulazione. Al contrario, le perdite marroni dopo il ciclo possono dipendere da alterazioni ormonali che in piccole quantità possono essere fisiologiche.

donna intimo
donna intimo

Se invece le perdite marroni sono al posto del ciclo, allora si può trattare di perdite da impianto e indicare quindi una possibile gravidanza.
Quando invece delle perdite si hanno proprio delle mestruazioni scure, invece, il loro colore potrebbe dipendere dall’ossidazione del sangue. In alcuni casi, però, il ciclo marrone così come le macchie marroni prima del ciclo può essere un campanello dall’allarme.

Altri motivi per cui possono presentarsi le perdite marroni

Una volta esclusi i problemi ormonali, la gravidanza ed altre situazioni legate al ciclo mestruale, è importante capire il perché delle perdite.
Queste, infatti, possono dipendere da cisti ovariche, da polipi endometriali o da lesioni del collo dell’utero. In altri casi, invece, possono essere legate a fattori di stress che, a loro volta, possono causare squilibri di tipo ormonale. Anche la pillola anticoncezionale, in alcuni casi, può portare a perdite scure che possono presentarsi in diversi momenti dei periodo mestruale.

Infine non va sottovalutata la possibilità di alterazioni ormonali dovute a patologie in atto come l’obesità, l’endometriosi o altri problemi che tra le altre cose possono gravare anche sul ciclo mestruale e sul suo corretto andamento. Per questo motivo, è sempre molto importante chiedere un parere al proprio medico curante. Solo così, infatti, si potrà accertarne l’esatta origine e tranquillizzarsi circa le possibili cause, trovando al contempo una cura in grado di funzionare in caso di problemi.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 02-09-2022


Arredamento Camere Hotel: cosa non può mancare

Artrosi: sintomi, cause e possibili cure