La panfobia è quella che in gergo medico viene definita come “paura di tutto”. Scopriamone di più e capiamo come riconoscerla e come curarla.

Quando si parla di panfobia si intende una paura generalizzata verso tutto ciò che riguarda o circonda chi ne soffre. La parola stessa panfobia ha significato di “paura di tutto” proveniente da pan (parola che in greco significa tutto) e phobia (che indica appunto la fobia per qualcosa).
Chi ne soffre, quindi, non ha quasi mai una paura specifica ma più paure generalizzate che con il tempo possono rendere la vita davvero difficile impedendone il normale svolgimento.
Chi soffre di panfobia, infatti, teme molte cose e per questo motivo finisce spesso con l’interagire in modo meno naturale con l’esterno.

Come si cura la fobia della paura

La buona notizia è che la paura della paura stessa è spesso facilmente risolvibile. Per farlo, però, occorre rivolgersi ad un esperto in grado di risalire all’origine del problema.

donna spaventata
donna spaventata

Il panfobico, infatti, è spesso una persona che ha subito diversi traumi che con il tempo hanno dato vita a delle paure. Motivo per cui è importante analizzarne il vissuto così come la possibilità di una certa familiarità con il problema. Il senso di paura viene solitamente espresso con palpitazioni, ansia, tremori, vertigini, tensione e vomito.

Per risolverla si possono mettere in atto diverse tecniche come la terapia cognitivo comportamentale o da desensibilizzazione. Inoltre, nei casi più estremi, può essere aggiunta l’assunzione di farmaci in grado di agevolare e semplificare la terapia stessa.

Panfobia LGBT: di cosa si tratta

Spesso, il termine panfobia viene associato alla comunità LGBT. Ciò dipende dal fatto che trattandosi di una paura di tutto, accade spesso che chi ne soffre abbia tra le altre fobie anche quella verso persone omosessuali con inclinazioni diverse dalle proprie.

Nella comunità LGBT in particolar modo sembra che il termine panfobia venga usato per descrivere quelle persone che non accettano la bisessualità o altre forme di amore, e questo pur essendo parte stessa della comunità LGBT. Un problema molto sentito e di cui si parla spesso e che ha appunto incluso la parola panfobia per indicarlo.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 13-05-2022


Cuscino gravidanza, è utile? Pregi e difetti dell’accessorio più desiderato dalle gestanti

Il successo della medicina naturale: come intraprendere la professione di Naturopata