Il cuscino gravidanza può essere molto utile, non soltanto durante i nove mesi di gestazione, ma anche dopo la nascita del bambino.

Molto desiderato dalle gestanti, il cuscino gravidanza non è utile soltanto durante i nove mesi di gestazione, ma anche durante il primo periodo di vita del bambino. Vediamo cos’è e come si usa, nonché quando è consigliato iniziare ad utilizzarlo.

Cuscino gravidanza: a cosa serve?

I cuscini gravidanza consentono di arginare uno dei problemi più comuni di questi nove mesi tanto magici, ovvero l’insonnia. Pesantezza, spossatezza generale e stanchezza aumentano quanto più ci si avvicina alla data del parto. A queste normali problematiche si aggiunge la difficoltà nel trovare una posizione giusta quando ci si mette a letto. Ci si gira e rigira nel letto cercando di trovare un po’ di comfort, ma, nella maggior parte dei casi, si arriva al mattino con gli occhi sbarrati. E’ proprio per evitare l’insonnia e tutte le conseguenze che comporta che le gestanti acquistano il cuscino gravidanza.

Si tratta di un accessorio che segue le linee del corpo, favorendo la corretta postura a letto. Garantisce un riposo notturno ottimale perché rende più comoda e agevole la posizione a letto. Con il passare dei mesi, il pancione cresce di dimensione e alcune donne manifestano mal di schiena, dolori generalizzati alle gambe e crampi agli arti inferiori. Utilizzando il cuscino per dormire in gravidanza si riesce ad alleviare questi fastidi e, di conseguenza, a combattere in modo del tutto naturale l’insonnia.

Cuscini gravidanza per dormire: quando sono consigliati

L’utilizzo del cuscino premaman è consigliato per tutta la durata della gravidanza, soprattutto nella fase finale. Non solo, si rivela molto utile anche dopo la nascita del bambino. Molte donne, infatti, lo utilizzano come supporto durante l’allattamento. Appoggiandolo al centro delle gambe, vi si adagia sopra il neonato e si procede con la pappa. Tutto qui? Ovvio che no. Il cuscino può essere impiegato anche come barriera su letto, sia per evitare brutte cadute che a mo’ di paracolpi.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 13-05-2022


Che cos’è la vulvodinia, la sindrome che provoca dolore pelvico cronico

Panfobia: di cosa si tratta e quali sono le cure possibili