Perché, in alcuni casi, l’ombelico puzza? Vediamo quali sono le cause e cosa fare per evitare che la problematica si ripresenti.

Può capitare che l’ombelico emani un cattivo odore: non c’è da preoccuparsi, ma è opportuno porre rimedio. Si tratta, infatti, di una condizione che può mettere in imbarazzo, ma potrebbe anche essere legata a problematiche cliniche di un certo tipo. Vediamo perché l’ombelico puzza e quali sono i rimedi naturali per arginare la cosa.

Ombelico puzza: perché?

Perché l’ombelico puzza? E’ questa la domanda che molti si pongono quando si accorgono che questa zona del corpo emana un odore poco gradevole. Qualcuno associa questo olezzo a quello di un formaggio andato a male, ma a prescindere da ciò è bene capire che le cause che portano a sviluppare una problematica del genere. Innanzitutto, è opportuno sottolineare che, a differenza di ciò che si crede, la cattiva igiene non c’entra nulla. L’ombelico non è una semplice cicatrice che portiamo con noi dalla nascita, ma una zona del corpo buia e umida. E’ per questo motivo che, per evitare spiacevoli infezioni, va sempre tenuta asciutta e pulita.

Essendo una parte del corpo che vive perennemente coperta e al buio, i batteri e i lieviti la trovano ideale per annidarsi e proliferare. Generalmente, il cattivo odore dell’ombelico è causato da:

  • infezione fungina o micotica;
  • infezione batterica;
  • ferita o livido intorno o all’interno dell’ombelico;
  • accumulo di sudore e sporcizia.

Quando è presente una di queste condizioni, la pelle attorno alla zona in questione diventa rossa, leggermente gonfia e puzzolente, arrivando perfino a produrre secrezioni di colore giallo o verde.

granuloma ombelicale

Ombelico rosso e maleodorante: rimedi naturali

Quando l’ombelico è puzzolente, quindi, significa che c’è un’infezione in corso. Innanzitutto, dopo la doccia, è bene asciugare la zona alla perfezione. Cercate di utilizzare detergenti delicati e, all’occorrenza, optate per una soluzione salina, altamente disinfettante. Usate un panno morbido e passatelo delicatamente all’interno, avendo cura di non lasciare bagnata la parte. Ripetete questo trattamento almeno 3 volte al giorno per una settimana. Infine, ricordate di non applicare creme o lozioni e di non strofinare mai l’ombelico.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 05-05-2022


Mielosi: cos’è e come si cura della malattia che colpisce il midollo spinale

Rimedi per dormire: ecco quali sono i più semplici e immediati