Ricavato dalla spremitura dei suoi semi, l’olio di ricino gode di diverse proprietà benefiche: andiamo a scoprirle.

L’olio di ricino è un olio vegetale che si ottiene dalla pianta di Ricinus communis o ricino. Il suo nome deriva dal latino e significa zecca. Infatti, i suoi semi hanno un aspetto che ricorda il noto parassita.

Il ricino è una pianta che può crescere in diverse forme: è possibile trovarlo in forma erbacea e in forma arborea. Nel suo territorio d’origine, l’Africa tropicale, può crescere fino a 10 metri di altezza. Nel resto del mondo, dove si è diffuso in molte zone dal clima tropicale o temperato, si ferma solitamente intorno ai 2-3 metri.

La pianta è conosciuta principalmente per il suo olio, che gode di diverse proprietà: andiamo a scoprirle.

Olio di ricino: da dove si ottiene

L’olio di ricino viene ricavato dai semi della pianta, tramite la spremitura di quest’ultimi. La fortuna di quest’olio la si deve agli anglosassoni. Il popolo della Gran Bretagna iniziò a utilizzarlo come sostituto del castoreum, una base aromatica. Quest’ultima veniva ottenuta tramite i castori, più precisamente dalle ghiandole della loro zona perineale.

Semi di ricino
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/semi-di-olio-di-ricino-castor-327186/

Questo liquido, composto principalmente da acidi grassi ricinoleati, ha un colore tendente al giallo (anche se può oscillare fino ad avvicinarsi a una tonalità marrone). L’olio presenta un odore caratteristico, che in molti trovano sgradevole, e un sapore forte.

Solitamente, solamente il ricavato della prima spremitura (effettuata a freddo) viene utilizzato come rimedio naturale. Tutto ciò che viene ricavato successivamente trova applicazione in altri campi, tra cui quello industriale.

Le proprietà dell’olio di ricino

Tra le proprietà principali dell’olio di ricino ricordiamo quelle depurative. Infatti, questa sostanza derivante dalla spremitura dei semi di Ricinus ha un’azione lassativa e aiuta a depurare l’intestino.

Inoltre, l’olio del ricino è in grado di combattere secchezza e sfibramento dei capelli grazie alle sue proprietà rinforzanti e ammorbidenti. Questa proprietà, unita a quella che favorisce la ricrescita delle unghie e rinforza le ciglia, è legata al suo contenuto vitaminico.

Il ricavato dei semi di ricino contiene Omega 6, Omega 9, sali minerali e vitamina E ed è un ottimo antiossidante, in particolare limita la degenerazione di una proteina che risponde al nome di cheratina. Quest’ultima è il principale costituente di unghie, peli e capelli.  

Nonostante le sue proprietà, l’olio di ricino, se utilizzato nelle modalità o nelle dosi scorrette, può causare alcuni effetti collaterali. Per tale ragione, è bene chiedere consiglio a un esperto prima di farne uso.

Curare unghie e capelli con l’olio di ricino

Come affermato in precedenza, l’olio del Ricinus communis è un ottimo alleato delle unghie. Questo accade perché, grazie alla sua composizione e al suo contenuto vitaminico, protegge le componenti del corpo costituite da cheratina.

Infatti, prevenendo la degenerazione di quest’ultima, impedisce che le unghie si sfaldino, si sfoglino o si rompano. Inoltre, in caso di unghie gialle o rovinate da infezioni fungine o batteriche, l’olio può essere utilizzato come battericida o antimicotico.

Esistono sul mercato diversi prodotti cosmetici a base di questa sostanza. Tuttavia, è possibile anche procurarsi del semplice olio di ricino, riscaldarlo leggermente e applicarlo sulle proprie unghie. Lasciate riposare per 60 minuti.

Oltre a favorire il benessere delle unghie, l’olio di ricino è un grande amico dei tuoi capelli. Infatti, grazie alle sue ormai conosciute proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e antimicotiche, è in grado di risolvere diversi problemi che affliggono la chioma e il cuoio capelluto.

Shampoo a secco
Shampoo a secco

È in grado di contrastare secchezza e disidratazione del capello, aiutando a prevenire la calvizie. In aggiunta, è ottimo contro le dermatiti (quindi anche contro la forfora), le doppie punte e la carenza di luminosità dei capelli.

Potete utilizzare il prodotto sui capelli asciutti sotto forma di impacco. In alternativa, è possibile acquistare balsami a base di olio di ricino, applicarli sulla chioma dopo il lavaggio, e procedere ad asciugare con il phon: il calore potenzia gli effetti benefici.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/albero-di-meraviglia-ricino-3555545/

TAG:
rimedi naturali

ultimo aggiornamento: 25-05-2020


Addominali e cervicale: ecco come allenarsi ed evitare errori grossolani

Olio di neem, un rimedio naturale contro infezioni e parassiti