A volte può essere difficile distinguere dei semplici nei dai nei pericolosi. Scopriamo quali sono i modi per riconoscerli velocemente e come agire.

Iniziamo con il dire che non tutte le macchie sulla pelle sono da identificare come nei pericolosi. Detto ciò, la prevenzione rimane la miglior arma di difesa. Motivo per cui imparare a riconoscere i cambiamenti o i segnali allarmanti può fare molto e aiutare a guarirne velocemente e senza strascichi. Scopriamo quindi quali sono i punti da tenere sempre in considerazione per non lasciare nulla al caso e riconocere subiro i nei maligni.

Nei pericolosi: quali sono i segnali per riconoscerli per tempo

Ogni neo della pelle, nel corso della vita, può iniziare a mutare diventando pericoloso.

nei pericolosi
nei pericolosi

Per questo motivo è sempre bene tenere sotto controllo quelli che si hanno e prendere nota di ogni nuova formazione. Ma come fare a riconoscere i nei sospetti?

In genere tra quelli più a rischio ci sono i nei sporgenti, quelli con bordi irregolari e con colori strani e diversi e quelli che cambiano nel tempo. Una macchia che diventa improvvisamente un neo in rilievo, ad esempio, andrebbe presa in considerazione. E lo stesso vale per un neo nero o con colori strani come verde, rosso, bianco, etc… Certo sono sempre da distinguere con i puntini rossi che possono presentarsi sulla cute o altre infiammazioni.

Al contempo, anche nei che prudono, sanguinano o sui quali si formano delle croste andrebbero considerati come allarmanti soprattutto se si ha un sistema immunitario debole, se si hanno parecchi nei sul corpo e se si ha una predisposizione genetica.

Come agire quando si nota un neo sospetto

In questi casi, la prima cosa da fare per scongiurare la possibilità di tumori della pelle è quella di rivolgersi subito ad un medico esperto che attraverso un attento esame saprà stabilire il da farsi.

Qualora il neo fosse effettivamente pericoloso i modi di procedere sono diversi e cambiano in base alla gravità della situazione. In genere può essere sufficiente asportarlo chirurgicamente per evitare problemi futuri. In caso di melanoma o di tumore, invece, le tecniche sono diverse e vanno dall’intervento chirurgico, alla radioterapia fino a cure di altro tipo e sempre scelte dal medico.

Ciò che conta è imparare a tenere d’occhio la propria pelle, perché prima ci si accorge di eventuali cambiamenti a rischio e più facilmente si potrà risolvere il problema senza grandi ripercussioni.

TAG:
salute

ultimo aggiornamento: 27-08-2021


Virus intestinale: cos’è, quali sono i sintomi e come si cura

Malattie delle unghie: da cosa dipendono e come curarle