Vaccini e sintomi della meningite: tutto quello che c’è da sapere!

Meningite: vaccinarsi contro il meningococco? Quanto dura il vaccino? Quanto costa?

chiudi

Caricamento Player...

Dopo i frequenti casi di meningite presentatisi ultimamente causando purtroppo alcuni decessi di pazienti molto giovani, si stanno comprensibilmente creando allarmismi intorno all’argomento. Sorgono spontanei dubbi, domande e perplessità circa la possibilità di vaccinarsi. Il vaccino è effettivamente efficace? Quali sono gli effetti collaterali che potrebbero insorgere?

Abbiamo raccolto alcune informazioni che potrebbero tornare utili. Risponderemo alle domande che si stanno ponendo su questo delicato argomento.

Meningite
Fonte foto: https://pixabay.com/it/mal-di-adulto-depressione-19005/

Che cos’è la meningite?

La meningite è l’infiammazione delle meningi. Ovvero sottili membrane che ricoprono il cervello ed il midollo spinale. Tale fenomeno influisce gravemente sulla materia celebrale. Provoca danni neurologici incurabili come epilessia, ritardo mentale, perdita dell’udito e in alcuni casi anche alla morte.

Questa grave infiammazione si presenta sia in forma batterica sia in forma virale. Le forme di tipo virale sono meno gravi e con decorso generalmente benigno. Invece la forma batterica è la più grave e pericolosa, dovuta principalmente da tre agenti batterici:

Emofilo tipo B: batterio contro il quale da oltre 5 anni tutti i bambini sono ormai vaccianti sin dal primo anno di vita.

Pneumococco: provoca frequentemente polmoniti, forma poco contagiosa.

Meningococco: trasmissibile attraverso le alte vie respiratorie, nei casi più gravi possono riscontrarsi convulsioni, shock e coma.

Quali sono i sintomi della meningite?

I sintomi di questa malattia sono: febbre, nausea, vomito. E poi ancora rigidezza dei muscoli, diminuzione dello stato di coscienza, senso di torpore, battito cardiaco rallentato e convulsioni

Come si cura la meningite?

In tutte le forme in cui essa si presenta deve essere trattata il più tempestivamente possibile. In caso di meningite batterica è fondamentale che si identifichi il ceppo che causa l’infezione in modo da prescrivere la cura antibiotica mirata.

Come si fa la diagnosi della meningite?

La diagnosi dell’infiammazione delle meningi si effettua tramite puntura lombare con l’utilizzo di siringhe ed aghi speciali. Oltre ad alcuni esami del sangue ed al tampone nasale e faringeo.

Quali sono i vaccini disponibili contro la meningite?

La questione dei vaccini è un argomento su cui si è sempre dibattuto, a maggior ragione da quando la questione dell’epidemia sta creando allarmismi più o meno giustificati. Vi elenchiamo le vaccinazioni disponibili per la prevenzione della forma più grave della malattia.

I vaccini anti-meningococco sono sostanzialmente 3:

– Vaccino contro la meningite di tipo C: raccomandato dal Ministero della Salute e gratuito in tutta Italia. In seguito ad un piano nazionale specifico tutti i bambini di età compresa tra i 13 ed i 15 mesi sono stati vaccinati.

– Vaccino contro la meningite di tipo B: a pagamento in alcune regioni, gratuito in altre, si può somministrare a partire dai 13 mesi.

Meningite
Fonte foto: https://pixabay.com/it/vaccinazione-doctor-siringa-medico-1215279/

Vaccino Tetravalente A,C,W135,Y: a pagamento, raccomandato a coloro che viaggiano spesso oltre paese o per coloro che desiderano una protezione maggiore. Somministrabile a partire dai bambini di 2 anni che non hanno ancora effettuato il vaccino di tipo C e agli adolescenti tra i 12 e 16 anni già con vaccino C per completare la copertura.

Per conoscere con esattezza i prezzi dei vaccini è consigliabile informarsi preventivamente presso le ASL locali. La vaccinazione contro la malattia, indipendentemente dalla tipologia somministrata ha la durata di circa 5 anni.

Effetti collaterali del vaccino contro la meningite

Negli adulti e negli adolescenti adolescenti gli effetti collaterali al vaccino sono: malessere, eritema e o gonfiore in sede di iniezione, dolori muscolari ed articolari, cefalea e nausea. Invece nei neonati e nei bambini fino ai 10 anni sono: sonnolenza, cefalea, diarrea, pianto anomalo, vomito, febbre ed eritema o gonfiore in sede di iniezione

Per informazioni ufficiali circa le coperture vaccinali è consigliabile consultare il proprio medico di famiglia ed il sito del ministero della salute.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/mal-di-adulto-depressione-19005/, https://pixabay.com/it/vaccinazione-doctor-siringa-medico-1215279/