Lavare le mani: i consigli per farlo nel modo più efficace e prevenire la diffusione di germi, batteri e virus.

Lavare le mani, ormai lo sappiamo, è molto importante. È una delle cose più semplici che si possano fare per mantenersi in salute, ma è anche una delle poche davvero fondamentali. In effetti, il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) raccomanda di lavarsi le mani per almeno 20 secondi, ma preferibilmente il doppio con il sapone e l’acqua. Ma è questo il modo più corretto per farlo? Ecco alcuni consigli degli esperti.

L’importanza di lavarsi le mani

Perché è così importante lavare bene le mani? I germi possono causare una grande varietà di malattie, dal raffreddore comune ad altre ben più serie, come la meningite. Igienizzando le mani regolarmente possiamo proteggere la nostra salute e quella dei nostri cari da questi pericolosi agenti patogeni.

lavare mani lavandino
lavare mani lavandino

Esistono molti modi per lavarsi le mani e in tanti scelgono di utilizzare tecniche e prodotti diversi. In molti usano sapone e acqua, qualcuno, errando, solo l’acqua. C’è chi preferisce gli igienizzanti per le mani e chi invece lavarsele con un panno o una salviettina igienizzante. Molti studi hanno confermato però che solo un lavaggio piuttosto lungo e approfondito con acqua e sapone può riuscire a detergerle in maniera corretta. Il gel igienizzante andrebbe invece utilizzato solo quando non è possibile fare altrimenti.

Lavare le mani nel modo corretto: i consigli utili

Quando la maggior parte delle persone pensa al lavaggio delle mani, pensa ovviamente a eliminare la sporcizia e i batteri. Ma lavare le mani è anche un metodo efficace per prevenire la diffusione di germi e malattie.

Per farlo in modo appropriato, segui questi semplici consigli. Per prima cosa bagna le mani con acqua pulita e corrente, calda o fredda a tuo piacimento. Applica un sapone liquido o un altro detergente a tua disposizione. Strofina le mani per creare una schiuma e passa su tutte le superfici, compresi i dorsi delle mani, le unghie (sopra e sotto) e tra le dita. Continua per almeno 20 secondi, il tempo necessario per uccidere la maggior parte dei germi. Sciacqua accuratamente sotto acqua corrente e asciuga con un asciugamano pulito. Semplice, no?

Lavare le mani senza sapone: esistono delle alternative?

Molte persone preferiscono non usare il sapone per lavare le mani, non fidandosi degli agenti chimici, spesso aggressivi, in esso contenuti. Lavare le mani solo con l’acqua però non basta per poter garantire la propria salute.

Fortunatamente esistono delle alternative da poter fare anche in casa. Ad esempio, si possono utilizzare succo di limone o aceto, ma anche il sapone di Marsiglia, l’aglio o la salvia. C’è anche chi suggerisce la cenere di legno, che però non sempre è presente nelle nostre case. E qualcuno suggerisce anche di lavarsi con la lisciva, una soluzione liquida, naturale, ottenuta dalla bollitura di cenere di buona qualità setacciata. Un’alternativa green e che fa sicuramente bene alla salute.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 23-07-2022


Uso dell’antibiotico e sole: tutto quel che è importante sapere a riguardo

Scattare nel sonno, vi è mai capitato? Ecco perché succede