Si sente spesso dire che antibiotico e sole non vadano d’accordo. Scopriamo cosa c’è di vero e come comportarsi.

Durante l’estate, specie se si sta assumendo una cura farmacologica, può capitare di chiedersi se antibiotico e sole vanno o meno d’accordo. In alcuni casi, infatti, possono esserci degli effetti collaterali che, seppur non gravi, è molto importante conoscere.
Le reazioni, infatti, possono cambiare da un farmaco all’altro, motivo per cui può rivelarsi utile conoscere le possibilità con quelli più comuni. Così facendo, è possibile prevenire eventuali problemi che solitamente si riflettono sulla pelle.
Ovviamente, il consiglio è in ogni caso quello di chiedere anche un parere al medico che ha prescritto il farmaco e che è quindi a conoscenza di altri possibili effetti incrociati con farmaci di altro tipo o con eventuali patologie presenti.

Antibiotici e sole: cosa possono provocare

In linea generale, si può dire che gli antibiotici a cui è preferibile prestare attenzione in caso di esposizione al sole sono quelli appartenenti alle famiglie dei chinoloni, delle tetracicline e dei sulfamidici.

sole e antibiotico
sole e antibiotico

In alcuni casi, infatti, questi antibiotici possono dare reazioni di fotosensibilizzazione. È quindi possibile andare in contro a comparse di macchie, di bollicine e di irritazioni di vario tipo a carico della pelle. Per evitare problemi, che in caso di allergia possono essere più evidenti, è quindi consigliabile esporsi al sole circa due giorni dopo la fine della cura antibiotica.

Qualora, la reazione fosse già in atto, salvo situazioni particolari, non c’è invece da preoccuparsi. In genere, infatti, bastano un paio di giorni per tornare alla normalità. Ovviamente, dopo aver avuto una qualsiasi reazione è preferibile evitare del tutto l’esposizione al sole.

Quali sono gli antibiotici che si possono assumere tranquillamente

Andando a farmaci di uso più comune e per i quali generalmente non è prevista alcuna astensione, c’è l’augmentin che al sole non crea quasi mai dei problemi.

Lo stesso vale per amoxicillina e sole e per le cefalosporine che al sole non danno problemi. In ogni caso, prima di esporsi, è sempre meglio effettuare un confronto con il proprio medico, evitando magari le ore più calde.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 23-07-2022


Dispnea parossistica notturna: occhio ai sintomi perché può essere confusa con altri disturbi

Come si lavano le mani in modo corretto?