La doccia emozionale permette di rigenerarsi e mettere da parte lo stress. Vediamo di capire come funziona e quali benefici può portare all’organismo.

La doccia emozionale, disponibile in quasi tutti i centri estetici, è un percorso multisensoriale composto da acqua, colori e odori. Si tratta di una vera e propria panacea per la stanchezza e l’accumulo di stress, grazie alle sue atmosfere rilassanti. Normalmente la doccia emozionale è associata ai bagni turchi, in modo da giovare al corpo a tutto tondo. Vediamo quindi di capire come si struttura questa pratica di benessere.

Doccia emozionale: come funziona

La doccia emozionale si basa sulla fondamentale alternanza tra diversi tipi di getti d’acqua, suoni e odori in grado di rilassare l’organismo. L’acqua dalla doccia viene emessa con diverse temperature, con un’alternanza di caldo e freddo, e a differenti intensità di pressione. Il percorso inizia con una simulazione di pioggia che, col passare del tempo, diventa sempre più intensa e infine arriva alla nebulizzazione.

Ragazza bagno doccia
Ragazza bagno doccia

In più i getti d’acqua non sono solo verticali, ma possono essere anche orizzontali, grazie a particolari erogatori posti sui lati della doccia. Allo stesso tempo anche i colori e gli odori all’interno della doccia emozionale cambiano, creando un’atmosfera armonica all’interno.

L’insieme di queste pratiche permette di avere benefici non solo fisici, ma anche mentali, donando una sensazione di rilassamento. Proprio per questo la doccia emozionale è un percorso adatto a tutti e senza alcun tipo di controindicazione.

Doccia emozionale: i benefici

Tra i benefici offerti dalla doccia emozionale possiamo sicuramente trovare, come abbiamo anticipato, sollievo fisico e mentale. Questa è la grande differenza tra questa e altre pratiche di terapie dell’acqua, solitamente molti più circoscritte. Infatti le diverse modalità che compongono il percorso hanno effetti benefici su tutto l’organismo.

Questo è dovuto soprattutto alle proprietà dell’acqua sia fredda che calda. Infatti se da una parte i getti freddi rassodano i tessuti, quelli di acqua calda stimolano la vasodilatazione e permettono di pulire e detergere la pelle. Inoltre la già citata alternanza dei getti, caratteristica della doccia emozionale, riattiva la circolazione alleggerendo la pressione su gambe e braccia, prevenendo inestetismi e cellulite.

Ricreare una doccia fai da te

L’esperienza della doccia emozionale non è una prerogative dei centri estetici. Infatti è possibile godere degli stessi benefici rimanendo in casa, grazie ad una gamma di strumenti reperibili sul mercato. In alternativa, se magari non avete spazio sufficiente, potete sempre affidarvi al fai da te, acquistando e adattando le apparecchiature agli spazi che avete a disposizione.

Un pezzo che non può mancare in nessuna doccia emozionale è la plafoniera in grado di alternare i diversi getti d’acqua. In più si può scegliere di abbinare lampade colorate o erogatori per la cromoterapia. Perciò cosa aspettate, regalatevi qualche momento di relax, anche a casa vostra.

Cromoterapia e aromaterapia

Tra le diverse terapie su cui si basa la doccia emozionale possiamo trovare anche la cromoterapia e l’aromaterapia. Infatti oltre all’alternanza di getti d’acqua calda e fredda, è possibile sperimentare la successione di colori diversi. Questa pratica non ha solo una valenza scenografica, ma ogni colore ha un effetto diverso sul nostro umore. Ad esempio possiamo dire che:

– il blu trasmette calma e refrigerio
– l’arancione dona ottimismo e buon umore
– tonalità di rosso conferiscono forza ed energia
– il verde aumenta equilibrio e concentrazione

Anche gli odori e suoni svolgono un ruolo ben preciso all’interno del percorso. Profumi come il pino silvestre, gli agrumi o il sandalo diminuiscono lo stress e trasmettono calma. D’altra parte anche musica e suoni sono molto importanti poiché vi accompagneranno per tutta l’esperienza, rendendo la sessione ancora più piacevole e coinvolgente.

TAG:
star bene

ultimo aggiornamento: 04-10-2020


Quando è stata l’ultima volta che hai pulito il microonde? Ecco come fare

Tappetino chiodato per agopressione: a cosa serve il materassino del benessere