La disidrosi è un problema che si può considerare sia antiestetico che fisico. Scopriamo da cosa dipende e come riconoscerla.

Quando si parla di disidrosi si intende una sorta di dermatite che si manifesta con la formazione di bollicine piene di liquido e che si presenta per lo più su mani e piedi. Si tratta di un problema che si associa spesso a prurito e a bruciore e che, per questo motivo, può essere difficile da gestire. Per curarla al meglio è quindi molto importante riconoscerla il prima possibile in modo da mettere in atto ogni strategia possibile.

Disidrosi: cause e sintomi

Sebbene in caso di disidrosi, le cause non siano ancora certe, ci sono diversi collegamenti che si possono fare con alcune situazioni che possono avvenire nel quotidiano.

disidrosi
disidrosi

Tra queste le più comuni sono:

– Contatto con allergeni
– Lavaggio frequente delle mani
– Stress psicofisico
Infezioni micotiche
– Sensibilità spiccata della pelle
– Sudorazione eccessiva
– Familiarità

Spesso presente in soggetti allergici al nichel (che manifestano in particolar modo la disidrosi alle mani), questa problematica non ha ancora una cura del tutto risolutiva. Tutta via è possibile agire, sia con dei rimedi naturali che con terapie solitamente prescritte dal medico curante.

Disidrosi: la cura da mettere in atto

Che si tratti di disidrosi ai piedi o alle mani, ad oggi per la disidrosi non c’è una cura definitiva.
Tuttavia, ci sono diverse strategie che si possono mettere in atto al fine di alleviare il problema.
Per prima cosa, se si è soggetti allergici è importante cercare di evitare il più possibile il contatto con materiali in grado di scatenare delle reazioni allergiche.

Detto ciò, per la disidrosi, i rimedi più comuni sono le creme cortisoniche da applicare sulla zona sofferente. Ci sono poi anche degli antistaminaci che si possono prendere al bisogno per alleviare il prurito e, in alcuni casi, si può optare per l’applicazione di creme che fungano da barriera, proteggendo così la pelle da tutto ciò che può scatenarle una reazione infiammatoria.

In ogni caso, prima di agire, è sempre bene consultare il medico. In primis per accertarsi che il problema di cui si soffre è appunto la disidrosi, e subito dopo per stabilire insieme la cura più adatta per risolvere o attenuare il problema.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

salute

ultimo aggiornamento: 01-08-2022


Escherichia coli: cos’è, come si contrae e quali sono le cure

Stanchezza mentale, i rimedi: vietato procrastinare e obbligo di delegare