Differenze tra yoga e pilates: quali sono e come scegliere tra le due discipline dagli effetti positivi e calmanti. Scopriamolo insieme!

Capita spesso di chiedersi quali siano le differenze tra yoga e pilates. Ciò è dovuto in parte agli effetti positivi che queste due discipline hanno su chi le pratica e che spesso possono portare a identificarle come la stessa pratica sportiva. La verità è che di differenze ce ne sono parecchie e conoscerle può essere utile per capire a quale delle due attività avvicinarsi o puntare di più.

La differenza tra yoga e pilates che è importante conoscere

Quando si sceglie di praticare una disciplina che aiuti ad aumentare la forza ma che sia al contempo in grado di donare equilibrio, la scelta cade spesso tra yoga e pilates.

Posizione yoga
Posizione yoga

È quindi molto importante imparare a fare le giuste distinzioni tra le due e capire in cosa differiscono esattamente.
Se lo yoga si basa sull’esercizio mescolato a pratiche mentali puntando tutto sull’equilibrio interiore, il pilates è invece più attento al lato fisico che viene però approcciato in modo più delicato rispetto ad altre attività, e tutto al fine di non gravare sui muscoli.

Da un punto di vista puramente logistico, yoga e pilates si differenziano anche per le procedure. Lo yoga, infatti, viene svolto per lo più a corpo libero mentre il pilates fa uso di attrezzi diversi che vanno dagli elastici ai cerchi.

Meglio yoga o pilates? Come scegliere tra i due

Se, nonostante le differenze appena riportate, il dubbio su quale disciplina scegliere è ancora forte, è importante fare un passo indietro e capire di cosa si ha più bisogno.

Sia yoga che pilates, infatti, puntano a un equilibrio e per questo è importante capire se si sente un maggior bisogno di raggiungere quello fisico o mentale. Nel primo caso il pilates sarà indubbiamente la scelta migliore mentre nel secondo sarà più adatto lo yoga. Indipendentemente dalla disciplina scelta, si otterrà comunque un corpo più forte e un miglior rapporto con se stessi che si tradurrà in movimenti più agevoli e fluidi.

E se si ha voglia di praticarli entrambi? Ovviamente nessuno lo vieta. Anzi, negli ultimi anni, proprio per andare incontro a chi sentiva il bisogno di esplorarli per bene è nato il piloga. Disciplina che come il nome stesso suggerisce unisce le due attività in una sola. Forse poco adatto ai puristi, si rivela invece la scelta ideale per chi fa davvero fatica a scegliere e desidera al contempo sperimentare qualcosa di nuovo.


La zumba fa dimagrire? Tutto quel che c’è da sapere su questa attività

Diradamento capelli: perché avviene e cosa fare per evitarlo