Colesterolo buono e cattivo: cosa sono, qual è la differenza e quali sono gli alimenti in cui sono contenuti.

Che cosa è il colesterolo? La risposta è abbastanza semplice. Si tratta di un tipo di lipidi, o grassi, che si trovano nel sangue. È una sostanza che viene prodotta dal corpo e si trova anche in alcuni alimenti, necessaria al nostro organismo per funzionare al meglio. Serve per creare le membrane cellulari, alcuni ormoni e la vitamina D. Aiuta anche il corpo a digerire il cibo e a conservare l’energia. Per funzionare correttamente, dunque, il corpo ha bisogno di una piccola quantità di colesterolo, ma se in eccesso può essere pericoloso. Troppo colesterolo può ostruire le arterie e portare a problemi cardiaci. Tuttavia, è bene sapere che non tutto il colesterolo è uguale è uguale. Ne esiste uno “buono” e anche uno “cattivo”. Proviamo a scoprire qual è la differenza.

Buono o cattivo: quali sono le differenze tra colesterolo e colesterolo?

Vi sono due tipi di colesterolo: HDL e LDL. Il primo è ad alta densità ed è quello noto come “buono”, perché aiuta a rimuovere l’altro tipo di colesterolo dalle arterie, trasportandolo al fegato, dove viene scomposto ed eliminato dal corpo. Il colesterolo LDL, a bassa densità, è noto come “cattivo” perché può accumularsi nelle arterie e aumentare il rischio di infarto e ictus. La funzione di quello buono è paragonabile quindi a quella di uno spazzino. Aiuta a evitare che quello cattivo vada ad accumularsi e riduce il rischio di problemi cardiaci.

Colesterolo
Colesterolo

I pericoli di un elevato livello di colesterolo

Molteplici sono i pericoli associati a livelli alti di colesterolo. Uno dei pericoli più gravi è il rischio di un attacco di cuore. Come abbiamo visto, quando abbiamo un alto livello di colesterolo può formarsi una placca sulle pareti arteriose. Questa placca può restringere le arterie e ridurre il flusso di sangue. Quando succede, il muscolo cardiaco può diventare affamato di ossigeno e può verificarsi un attacco di cuore.

Ma alti livelli di colesterolo possono anche aumentare il rischio di ictus e altri problemi di salute, quali l’arteriopatia periferica e il diabete. Se dalle analisi è dunque venuto fuori un livello oltre il limite, è importante modificare le proprie abitudini alimentari e fare esercizio fisico per aiutare ad abbassarlo.

I cibi migliori per abbassare il colesterolo

Ci sono molti alimenti che possono aiutare ad abbassare i livelli di colesterolo. Tra questi l’avena, i semi, il salmone, le noci, i legumi e il pane integrale. Includere questi tipi di cibo nella tua dieta può aiutare a migliorare i livelli di colesterolo e a mantenere il cuore sano. Ricordati dunque di non farne a meno e di cerca di inserire almeno uno di questi alimenti nella tua dieta giornaliera.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 19-07-2022


Come trattare una ferita infetta in modo semplice e sicuro

Come fermare il sangue: tamponare con le mani facendo pressione è la prima cosa da fare