Dopo una ferita, specialmente se è profonda, è normale veder fuoriuscire del sangue. In ogni modo, è bene fermarlo. Vediamo come fare.

Quando ci si ferisce può uscire anche parecchio sangue. Non sempre, però, è necessario preoccuparsi. In ogni caso, è consigliato bloccare l’emorragia il prima possibile. Vediamo quando urge chiedere aiuto al pronto soccorso e cosa fare in attesa dell’ambulanza, nonché come procedere quando la lesione è soltanto superficiale.

Come fermare il sangue: se si tratta di emorragia bisogna essere tempestivi

Le ferite non sono tutte uguali, alcune sono più profonde ed altre superficiali. Nel primo caso, è bene fare ricorso alle cure del pronto soccorso, che valuterà se applicare o meno punti di sutura, mentre nel secondo non c’è nulla di cui preoccuparsi. In ogni caso, vedere come fermare il sangue è molto importante perché può essere d’aiuto, sia per sé che per gli altri.

Per fermare un’emorragia, laddove sia di una certa entità, è necessario fare pressione con le mani sopra alla zona interessata. Dopo di che, bisogna cercare di inserire un panno e stringere la ferita in modo molto forte. Così facendo si bloccherà la fuoriuscita di sangue per un tempo limitato. Infine, chiamate con una certa urgenza l’ambulanza e seguite le indicazioni dell’operatore telefonico del pronto soccorso.

Questa, generalmente, è la prassi in caso di ferite piuttosto profonde. Quando la lesione è superficiale, invece, dovete sempre osservare alcune accortezze, ma non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Le ferite superficiali non devono allarmare

Dopo aver visto come bloccare un’emorragia, occupiamoci delle ferite superficiali. La prima cosa da fare è lavare la lesione sotto l’acqua corrente. Se necessario, laddove vediate schegge, polvere o altri corpi estranei, potete anche utilizzare un po’ di sapone neutro. Utilizzate parecchia acqua ossigenata oppure un altro disinfettante e, infine, fasciate la zona interessata con una garza sterile. Se possibile, lasciare la ferita all’aria aperta: in questo modo il sangue si seccherà e la parte guarirà più velocemente.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

ultimo aggiornamento: 20-07-2022


Qual è la differenza tra colesterolo buono e cattivo?

Dispnea: di cosa si tratta e quali sono i sintomi