Dieta volumetrica: come funziona e quali sono le controindicazioni

La dieta volumetrica è un regime alimentari che permette di perdere peso, senza troppe rinunce. Vediamo come funziona.

Quando si segue una dieta, la cosa più difficile è rinunciare al cibo e resistere allo stimolo della fame. Per questo la dottoressa Barbara Rolls ha ideato la dieta volumetrica, che permette di perdere peso, continuando a mangiare abbondantemente.

Il segreto di questa dieta è scegliere alimenti con poche calorie, che però creano “volume” nello stomaco, facendoci sentire subito sazi. Vediamo nei dettagli come funziona e quali sono le controindicazioni.

Dieta volumetrica: come funziona

La dieta volumetrica si basa sul consumo di alimenti poco calorici, che danno sazietà. Il consumo calorico giornaliero deve essere di 1.200 calorie, che vanno suddivise in tre pasti principali (colazione, pranzo e cena) e tre spuntini (a metà mattina, a metà pomeriggio e prima di dormire).

dieta volumetrica
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/insalata-fresco-veggies-verdure-791891/

La dottoressa Rolls ha suddiviso gli alimenti in quattro gruppi, a seconda della loro densità calorica. Gli alimenti a densità calorica molto bassa sono la frutta e la verdura non amidacea, il latte scremato e lo yogurt magro; quelli a densità calorica bassa sono la frutta e la verdura amidacea, i cereali e i prodotti a base di cereali, i legumi, la carne magra e il pesce; quelli a densità calorica media sono i formaggi, la carne non magra, il pane, la pizza, le patate fritte, le salse e il gelato; quelle a densità calorica alta sono le patatine fritte in busta, gli snack salati e dolci, i crackers, le caramelle, i biscotti confezionati, l’olio, il burro e la cioccolata.

Gli alimenti del primo e del secondo gruppo devono essere mangiati in abbondanza, mentre il consumo di quelli degli ultimi due gruppi deve essere limitato il più possibile. Inoltre, è importante fare regolare attività fisica, come una passeggiata a passo svelto o in bicicletta ogni giorno.

Dieta volumetrica: menù settimanale

Anche se, come per ogni dieta, è necessario rivolgersi ad un nutrizionista, di seguito trovate un esempio di menù settimanale, che vi aiuterà a capire come funziona questa dieta.

Ogni giorno bisogna bere appena svegli due bicchieri d’acqua a temperatura ambiente e un caffè senza zucchero. La colazione deve essere a base di latte parzialmente scremato, yogurt bianco magro o tè e due fette di pane integrale con marmellata senza zucchero. Come spuntino a metà mattina e metà pomeriggio bisogna bere un centrifugato di verdure a scelta, prima di andare a letto una tisana a scelta senza zucchero.

– Lunedì. Pranzo: merluzzo al forno con insalata mista e una fetta di pane integrale. Cena: tacchino alle spezie con contorno di carote.

– Martedì. Pranzo: seppie con piselli e pomodori, una fetta di pane integrale. Cena: insalata mista con petto di pollo.

– Mercoledì. Pranzo: insalata verde con fiocchi di latte e una fetta di pane integrale. Cena: minestrone di verdure e arrosto.

– Giovedì. Pranzo: pasta integrale con pomodori e mozzarella light. Cena: salmone affumicato con zucchine.

– Venerdì. Pranzo: insalata di riso e verdure. Cena: carne alla griglia con verdure miste.

– Sabato. Pranzo: 2 uova al tegamino con insalata mista e una fetta di pane integrale. Cena: minestrone di verdure e una fettina di carne di vitello.

– Domenica. Pranzo: riso e lenticchie con verdure crude. Cena: bresaola con scaglie di parmigiano e rucola, insalata mista e una fetta di pane integrale.

Dieta volumetrica: controindicazioni

La dieta volumetrica aiuta ad asciugare la silhouette e a perdere fino a 4 chili al mese. Non è una dieta drastica, quindi non ha molte controindicazioni.

È però fondamentale rivolgersi ad un nutrizionista per farsi dare un piano dietetico su misura, adatto al proprio fabbisogno energetico. Il fai da te, quindi, è sempre sconsigliato.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 19-03-2018

Federica Maria Ferrara