La dieta ipolipidica è un regime alimentare a basso contenuto di grassi che può rivelarsi necessario in caso di colesterolo alto o di alcune patologie. Scopriamo come funziona.

Quando si parla di dieta ipolipidica si intende un’alimentazione basata sul consumo di pochi grassi.
Spesso viene raccomandata dai medici in caso di colesterolo alto, fegato grasso o patologie che peggiorano con alte concentrazioni di grassi. Più in generale si tratta di un tipo di alimentazione che promuove il benessere.

Dieta ipolipidica: cosa mangiare

L’alimentazione ipolipidica consiste nell’assunzione giornaliera di un quantitativo di grassi inferiore del 25% rispetto agli altri nutrienti. Nel seguirla vanno poi distinte le varie categorie di grassi tra i quali si devono preferire gli Omega 3 e 6 e quelli insaturi.

dieta
dieta

Attraverso una dieta ipocalorica e ipolipidica (i grassi hanno un maggior numero di calorie rispetto agli altri macronutrienti) è possibile diminuire la quantità di massa grassa, abbassare i livelli di colesterolo, donare sollievo al fegato e ottenere, in generale, dei benefici per la salute.
In genere tra gli alimenti da preferire ci sono il pesce, la carne magra, gli albumi (e qualche uovo intero), i formaggi magri, cereali di tipo integrale, la frutta e la verdura. Andrebbero ovviamente ridotti o eliminati gli zuccheri raffinati e tutti i cibi contenenti grassi saturi o trans.

Dieta ipolipidica: menu tipo

In una giornata di dieta ipolipidica per colesterolo o altro, si possono quindi mangiare svariati alimenti purché si scelga tra quelli sani e li si prepari nel modo adeguato.
A colazione si può mangiare del latte magro con pane integrale e marmellata fatta in casa o, in alternativa, dello yogurt greco magro con della frutta.

A pranzo si può consumare della pasta integrale o del riso da associare a delle verdure. Si può poi optare per un formaggio magro ed un frutto. A cena si può mangiare del pesce alla griglia con un contorno di verdure da condire con olio extra vergine d’oliva. Si può accompagnare il tutto con del pane integrale ed un piccolo frutto.
Per gli spuntini si possono consumare frutta, verdura o yogurt magro.

Ovviamente sono da escludere i fritti mentre andrebbero preferite le cotture a vapore, alla griglia o con padella antiaderente. Un modo di mangiare sano che va però sempre visto insieme al proprio medico o ad un buon nutrizionista.

Riproduzione riservata © 2022 - NB

Dieta

ultimo aggiornamento: 12-02-2022


Ciclo anovulatorio: di cosa si tratta e come riconoscerlo

Ovulazione dolorosa: perché si presenta e cosa fare per evitarla